Baseball, storico accordo con gli Usa: i giocatori cubani fi

Notizie sportive dalla isla

Baseball, storico accordo con gli Usa: i giocatori cubani fi

Messaggioda carlo » 20/12/2018, 18:47

Baseball, storico accordo con gli Usa: i giocatori cubani finalmente liberi

Intesa tra la Major League Baseball e la Federazione cubana: i giocatori dell’isola potranno firmare regolari contratti. Finisce così l’era delle fughe clandestine

Immagine

Ci sono voluti quattro anni di negoziati ma alla fine l’accordo è arrivato: i giocatori di baseball cubani potranno finalmente approdare alla Major League nordamericana con regolari contratti e non, com’è successo finora, fuggendo dall’isola per vie clandestine. La Major League Baseball e la Federazione di baseball cubana hanno siglato infatti un’intesa che consentirà ai giocatori cubani di firmare regolari contratti con le squadre della Lega professionistica alle stesse condizioni di tutti gli altri giocatori internazionali. I negoziati erano iniziati nel 2014 dopo il ripristino delle relazioni diplomatiche favorito da Barack Obama e Raul Castro, ma avevano vissuto un momento di pericoloso impasse dopo l’insediamento di Donald Trump. Alla fine però ha prevalso la voglia — e la necessità — di una svolta: l’accordo porrà così fine a una lunga storia di fughe clandestine e approdi misteriosi, l’unica via che finora aveva permesso ai giocatori cubani di giocare, e spesso diventare stelle, nella Mlb.

Indennizzi

«L’obiettivo principale era di sottrarre i giocatori di Cuba a tutto quel genere di sofferenze cui hanno dovuto sottoporsi fin qui per approdare alla Major League», spiega Dan Halem, vice commissioner e responsabile legale della Mlb. L’accordo, che dovrà essere rinnovato fra tre anni, prevede che i giocatori cubani di età superiore ai 25 anni e con sei anni di servizio nella Lega cubana saranno liberi di firmare con i club della Mlb: in cambio la Federazione riceverà degli indennizzi in denaro parametrati sul salario del giocatore. Per i giocatori under 25, che hanno bisogno di un permesso per lasciare Cuba, i club della Mlb pagheranno alla Federazione cubana il 25% fisso. Proprio il pagamento alla Federazione era uno dei nodi del problema ma, spiega Halem, «il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, prima che Obama esaurisse il suo mandato, aveva stabilito che le squadre della Mlb potevano trasferire denaro alla Federazione cubana perché non era un’agenzia governativa». Per la Federazione cubana si tratta di un riconoscimento dovuto: «Con queste entrate saremo in grado di sviluppare il baseball cubano dalla base e alzare il nostro livello complessivo», spiega l’ex giocatore Omar Linares, aggiungendo: «Avrei voluto avere io la possibilità di mostrare il suo valore nella Major...».

Traffici

Moltissimi sono stati negli anni i giocatori cubani approdati alla Major League per le vie più assurde e pericolose, alcuni abbandonando semplicemente la squadra nazionale mentre era in tournée all’estero, altri affidandosi addirittura a trafficanti di esseri umani: uno dei casi più eclatanti è quello di Yasiel Puig, attuale stella dei Los Angeles Dodgers, fuggito da Cuba nel 2012 e arrivato negli States con l’aiuto di trafficanti legati a un cartello della droga messicano. La stima è che più di 350 giocatori cubani siano fuggiti dall’inizio del 2014: fra questi altre star attuali come Yoenis Cespedes dei New York Mets e Jose Abreu dei Chicago White Sox, giocatori straordinari approdati a contratti milionari imparagonabili ai 50 dollari mensili che percepivano a Cuba. «Sapere che la prossima generazione non sopporterà più l’inimmaginabile destino subito da tanti di noi è la realizzazione di un sogno che pareva impossibile — commenta Abreu —. Adesso finalmente cesseranno il traffico clandestino, lo sfruttamento dei contrabbandieri e gli intrallazzi di certe agenzie senza scrupoli. Anche se non dimenticherò mai quello che abbiamo dovuto patire».
Avatar utente
carlo
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 6948
Iscritto il: 26/05/2011, 15:49
Località: perugia

Re: Baseball, storico accordo con gli Usa: i giocatori cuban

Messaggioda carlo » 20/12/2018, 21:36

credo che il punto centrale sia che lo stato guadagnera sui contratti dei giocatori e visti gli ingaggi entreranno bei soldini.se questo accordo dovesse reggere penso che sara esteso anche ad altri sport...
Avatar utente
carlo
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 6948
Iscritto il: 26/05/2011, 15:49
Località: perugia

Re: Baseball, storico accordo con gli Usa: i giocatori cuban

Messaggioda carlo » 10/04/2019, 19:10

Baseball, Trump straccia l’accordo tra Cuba e la Major League

Per evitare le fughe clandestine e regolare il passaggio alle grande franchigie americane dei prospetti cubani, era stata varata una procedura, che è stata bocciata dal presidente americano e bollata come “traffico di esseri umani”. L’embargo è la motivazione ufficiale: tra i due Paesi non ci possono essere accordi commerciale. Così torna il gelo

Immagine

Tre anni fa, Barack Obama assisteva allo stadio Latino de L’Avana, alla partita di baseball a fianco di Raul Castro tra la nazionale cubana e Tampa, la franchigia americana di Mlb. A dicembre, dopo tre anni di difficile negoziato tra la federazione cubana di baseball e l’ente che gestisce il più importante campionato americano, era stato raggiunto un accordo che prevedeva il flusso di giocatori cubani che puntavano ad arrivare in Major League senza bisogno di fuggire in modo pericoloso e clandestino. Ma a una settimana dalla presentazione della prima lista di 34 giocatori, lunedì è tornato il grande gelo e sono volate le accuse e contro accuse. Perché Donald Trump, l’attuale inquilino della Casa Bianca, ha bocciato l’accordo, definito un atto illegale e avente un movente illecito, il traffico di esseri umano. Tutto questo perché tra Cuba e Usa vige un embargo che dura dal 1962, quando gli usa chiusero i rapporti politici per via della Rivoluzione socialista guidata da Fidel Castro e Che Guevara.

Fare accordi con la federazione cubana di baseball significa fare accordi con il governo (da cui dipende l’Inder, il ministero dello Sport” è la spiegazione ufficiale dopo il tweet che ha provocato dure reazioni a Cuba. “Ci odiano e in modo cieco” ha replicato il ministro del Commercio dell’isola, Rodrigo Malmierca. Tutto da rifare, e forse tutto potrebbe ricominciare illegalmente: perché in qualsiasi modo, i prospetti che fanno gola alle franchigie americane arrivano attraverso diversi canali, nel grande baseball a stelle e strisce dove ad oggi, sono 19 i giocatori titolari di passaporto cubano. E’ incredibile e paradossale come due paesi che anno nel baseball lo stesso sport nazionale, continuino a farsi i dispetti. Ora torna centrale la politica: che fine faranno i giocatori? C’è imbarazzo anche nella Major League, che ha spinto per l’accordo faticoso quanto necessario e che prevedeva una percentuale di introiti dei giocatori da destinare alla federazione dell’isola caraibica. Ma se lo dice Trump... Intanto comincia il 2019 della nazionale cubana, che quest’anno punta a qualificarsi ai Giochi 2020: se vincerà il Premier 12 di novembre.
Avatar utente
carlo
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 6948
Iscritto il: 26/05/2011, 15:49
Località: perugia


Torna a Deporte cubano - lo sport a Cuba

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti