BIOGRAFIE MUSICISTI CUBANI

Musica, Balli, Film, Cucina & Cocktails

Moderatore: cubasoyyo

BIOGRAFIE MUSICISTI CUBANI

Messaggioda Filippo » 06/02/2008, 9:25

Apro questa rubrica,che tratterà l'approfondimento e la conoscenza di musicisti cubani,biografie dei grandi virtuosi dell'isola,che hanno rappresentato passi fondamentali nella storia della musica

inizierò a parlare dell'amico CHUCHO VALDEZ figlio d'arte,pianista straordinario :smt023

Immagine

Chucho Valdés è nato nella provincia di Quivicàn a L’Avana, Cuba, nel 1941, figlio di Bebo Valdés, famoso pianista e compositore cubano, e Pilar Rodriguez.
Chucho comincia a suonare le prime note a 3 anni; a 5 anni a prendere lezioni di piano e teoria con Oscar Muñoz Boufartique. A 8 anni si iscrive al Conservatorio Municipale, e più tardi continua gli studi con Zenaida Romeu, Rosario Franco, e Leo Brower.
A 15 anni fonda il primo trio jazz con Emilio del Monte e Luis Rodriguez e l’anno seguente comincia a suonare con l’Orchestra Sabor de Cuba, diretta dal celebre padre.
Il primo album, Chucho Valdés y su Combo, risale al 1963. Nello stesso anno collabora con l’Orquesta del Teatro Musical de la Habana diretta da Tony Taño. Intanto continua a registrare con il suo gruppo, a cui nel 1964 si unisce il cantante Amado Borcelà, detto Guapacha. Le registrazioni di questi anni danno un nuovo impulso alla musica popolare cubana e sono un’anticipazione del gruppo Irakere, dato che la formazione vede la presenza di Carlos Emilio Morales (chitarra) e Paquito D' Rivera (sassofono e clarinetto).
Nel 1967 Chucho, Carlos Emilio e Paquito entrano a far parte della Orquesta Cubana de Musica Moderna. Nel 1970 partecipano al Festival Jamboree in Polonia e ricevono i complimenti di Dave Brubeck. A questo punto Chucho è tra i migliori 5 pianisti al mondo, inseme a Bill Evans, Oscar Peterson, Herbie Hancock e Chick Korea.
Nel 1972 registra Jazz Batà con Carlos D' Puerto e Oscar Valdés e decide di allargare il trio, includendo fiati e batteria: così nel 1973 nascono gli Irakere, considerati il gruppo più importante di musica cubana nella seconda metà del Novecento. I componenti degli Irakere sono Carlos D' Puerto (basso), Oscar Valdés (percussioni e voce), Tato (congas), Carlos Emilio Morales (chitarra) Jorge Varona (tromba), Paquito D' Rivera (sassofono) e Chucho (pianoforte, composizione, arrangiamenti and direzione).
Più tardi approdano al gruppo Carlos Averhoff (sassofono), Arturo Sandoval (tromba) e Arming Cuervo (cori). Questa formazione sarà mantenuta fino al 1980.
Nello stesso periodo Chucho collabora con musicisti che raggiungeranno in seguito la fama internazionale, come Germán Velazco (sax alto), Juan Munguía (tromba), José Miguel Crego (tromba), Manuel Machado (tromba), Carlos Alvarez (trombone), Javier Salva (sax), Cesar López (Sax), Orlando Valle (Maracas), José Luis Cortés (flauto e sax), El Negrón (congas), José Miguel Meléndez (timpani), Adel González (congas), Julio Padrón (tromba), Alfredo Thompson (sax) Oscarito Valdés (batteria), Emilio Vega (tastiere), Irving Acao (sax), Román Filiú (sax) e Basilio Márquez (tromba).

Irakere è stato il primo gruppo cubano a vincere il Grammy Award (nel 1980) e ha prodotto circa 52 dischi. Chucho si è esibito in tour in più di 50 paesi, in sale da concerto come il Carnegie Foyer, il Kennedy Center, il Lincoln Center, l’Hollywood Bowl, il Blue Note a New York, il Village Vanguard, il Theater Colón a Buenos Aires, l’Amadeo Roldán e molti altri.
Nel 1996 Chucho Valdes ha formato il gruppo Crisol con Roy Hargrove e altri importanti musicisti portoricani, statunitensi e cubani. Con loro ha registrato Havana, con cui ha ottenuto un altro Grammy Award.
Nel corso della sua carriera Chucho si è esibito con figure di rilievo, come Herbie Hancock, Billy Taylor, Kenny Barron, Michel Legrand, Frank Emilio, Michael Camilo, Chino Dominguez, Marian Marpartlan, Mulgrew Miller, John Lewis, Chick Korea, Gonzalo Rubalcaba, Brandford e Winton Marsalis, Carlos Santana, Joe Lovano, Grover Washington Jr., Dizzy Gillespie, Hugh Fraser, David Sanchez, George Benson, Taj Mahal, Max Roach, Jack Dejonnette, Ron Carter, Idris Muhamed, Gómez, Gato Barbieri, Giovanni Nobile, Tito Bridge e con l’orchestra del Lincoln Center, con la Village Vangard Orchestra, con la John Clayton Big Band e l’Orchestra di Machito.
Nel 1997 riceve la Laurea Honoris Causa all’Università di Vittoria, in Canada. Nel 1998, pur continuando la sua attività con l’Irakere, fonda un quartetto con una concezione musicale diversa, in cui il piano sostiene la voce del cantante. Questo nuovo quartetto registra con la Blue Note Records, con cui produce quattro album (Bele Bele en l’Havana, Briyumba Palo Congo, Live at the Village Vangard e New Conceptions). Due ricevono il Grammy Award, anche se tutti e quattro hanno comunque ricevuto la nomination.
Chucho ha registrato due album da solista con la Blue Note Records (Solo Piano, Live in New York e Cuban Fantasy). Ha inoltre pubblicato con la Egrem un album da solista dal titolo Canciones Inéditas, e anche per questo ha rivecuto un Grammy.
Chucho ha ricevuto le chiavi delle città di Ponce (Puerto Rico), Los Angeles, San Francisco, New Orleans e Madison. È stato insignito del Premio Nazionale della Musica a Cuba, la Laurea Honoris Causa in Arte presso l’Istituto Superiore d’Arte all’Avana, e la medaglia Felix Varela, ovvero il premio più prestigioso della cultura cubana


Immagine Immagine

DISCOGRAFIA PRINCIPALE

1986 Lucumí Messidor
1991 Solo Piano World Pacific
1995 Grandes de La Música Cubana, Vol. 1 Alex
1997 Pianissimo Sony International
1998 Bele Bele en La Habana Blue Note
1999 Babalú Ayé Bembe
1999 Briyumba Palo Congo Blue Note
2000 Live at the Village Vanguard Blue Note
2000 Invitación Egrem
2000 Cuban Jazz Pianissimo International Music
2000 Unforgettable Boleros Velas
2000 Boleros Inigualables Egrem
2001 Solo: Live in New York Blue Note
2001 Chucho Valdés Y Su Cuban Jazz Orfeon
2002 Canciones Inéditas Egrem
2002 Canta a Babalú Ayé Egrem
2002 Yemayá Egrem
2002 Fantasía Cubana: Variations on Classical Themes BN
2003 New Conceptions Blue Note
2005 Virtuoso La Escondid
2007 En El Teatro Colón
2007 The Latin Jazz Sides
2007 Jazz Bata
Filippo
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1947
Iscritto il: 01/10/2006, 12:59
Località: La culla del Rinascimento

Re: BIOGRAFIE MUSICISTI CUBANI

Messaggioda Filippo » 07/02/2008, 16:33

ARTURO SANDOVAL

ImmagineImmagine

Arturo Sandoval, nasce a Artemisia una piccola città nella periferia dell'Havana ( Cuba ), il 6 novembre del 1941.Comincia ad interessarsi di musica all'età di 12 anni studiando la tromba classica. Ascolta con passione due tra i più grandi trombettisti del mondo, Dizzy Gillespie e Charlie Parker. Nel 1964 entra alla "Escuela Nacional de Arte" di Cuba, studiando per tre anni la tromba classica. Dopo il servizio militare, fu uno dei co-fondatori di un gruppo storico di Cuba, gli Irakere. Con questo gruppo si presenta nel 1978 al Festival del jazz di Newport, ottenendo un notevole successo, tanto da essere scritturati dalla casa discografica Columbia Records. Arturo esprime sin da subito una musica completamente diversa con delle sonorità e una tecnica completamente nuova, da quella di quel periodo tanto da fondare nel 1981 un proprio gruppo. Gira il mondo intero proponendo la sua musica latina mescolata al jazz. Suona con l'Orchestra sinfonica della BBC a Leningrado (Russia). La bravura lo porta a suonare con grandi nomi della musica come ( Woody Herman, Woody Shaw, Michael Legrand, Bill Conti, Stan Getz, Johnny Mathis, Frank Sinatra, Gloria Estefan , Willy Chirino , Paul Anka, Rod Stewart, Alicia Keys. Alcune delle sue musiche si possono ascoltare in un film autobiografico interpretato dall'attore Andy Garcia dal titolo "For Love or Country: The Arturo Sandoval Story ”. Ma il più grande per lui rimane Dizzy Gillespie, estimatore e difensore della musica afro-cubana, chiamato da Sandoval ( il padre spirituale ). I due musicisti si conobbero a Cuba nel 1977 quando Gillespie in tournee a Cuba suona con il sassofonista Stan Getz.
Nel 1992 Arturo Sandoval esilia negli Stati Uniti chiedendo la cittadinanza, che gli viene concessa nel 1999. Nel Frattempo a Miami, diventa professore all’Università Internazionale della Florida e registra il suo primo disco dal titolo "Flight to Freedom" per l'etichetta GRP. Nello stesso anno registra il suo secondo album dal titolo "I Remember Clifford", in omaggio al leggendario trombettista Clifford Brown.
Parallelamente Arturo mantiene una carriera musicale come interprete classico, registrando un album dal titolo "The Classical Álbum". Questo disco contiene un concerto per tromba di Hummel e Mozart. Arturo si esibisce dando lezioni di tecnica musicale nei più importanti conservatori musicali del mondo : Parigi, Unione Sovietica, California, Miami, per citarne alcuni. La sua discografia è composta da: “ Live at the Blue Note ” , "Trumpet Evolution" , “ My Passion for the Piano ” , “ For Love or Country: The Arturo Sandoval Story ” , Americana , Hot House , Swingin, Arturo Sandoval & The Latin Train , Danzón & Arturo Sandoval The Classical Album , Dream Come True , I Remember Clifford , Flight to Freedom .
Oggi risiede a Miami con la sua famiglia, ed insegna presso l’Università della sua città.
Arturo Sandoval, nasce a Artemisia una piccola città nella periferia dell'Havana ( Cuba ), il 6 novembre del 1941.Comincia ad interessarsi di musica all'età di 12 anni studiando la tromba classica. Ascolta con passione due tra i più grandi trombettisti del mondo, Dizzy Gillespie e Charlie Parker. Nel 1964 entra alla "Escuela Nacional de Arte" di Cuba, studiando per tre anni la tromba classica. Dopo il servizio militare, fu uno dei co-fondatori di un gruppo storico di Cuba, gli Irakere. Con questo gruppo si presenta nel 1978 al Festival del jazz di Newport, ottenendo un notevole successo, tanto da essere scritturati dalla casa discografica Columbia Records. Arturo esprime sin da subito una musica completamente diversa con delle sonorità e una tecnica completamente nuova, da quella di quel periodo tanto da fondare nel 1981 un proprio gruppo. Gira il mondo intero proponendo la sua musica latina mescolata al jazz. Suona con l'Orchestra sinfonica della BBC a Leningrado (Russia). La bravura lo porta a suonare con grandi nomi della musica come ( Woody Herman, Woody Shaw, Michael Legrand, Bill Conti, Stan Getz, Johnny Mathis, Frank Sinatra, Gloria Estefan , Willy Chirino , Paul Anka, Rod Stewart, Alicia Keys. Alcune delle sue musiche si possono ascoltare in un film autobiografico interpretato dall'attore Andy Garcia dal titolo "For Love or Country: The Arturo Sandoval Story ”. Ma il più grande per lui rimane Dizzy Gillespie, estimatore e difensore della musica afro-cubana, chiamato da Sandoval ( il padre spirituale ). I due musicisti si conobbero a Cuba nel 1977 quando Gillespie in tournee a Cuba suona con il sassofonista Stan Getz.
Nel 1992 Arturo Sandoval esilia negli Stati Uniti chiedendo la cittadinanza, che gli viene concessa nel 1999. Nel Frattempo a Miami, diventa professore all’Università Internazionale della Florida e registra il suo primo disco dal titolo "Flight to Freedom" per l'etichetta GRP. Nello stesso anno registra il suo secondo album dal titolo "I Remember Clifford", in omaggio al leggendario trombettista Clifford Brown.
Parallelamente Arturo mantiene una carriera musicale come interprete classico, registrando un album dal titolo "The Classical Álbum". Questo disco contiene un concerto per tromba di Hummel e Mozart. Arturo si esibisce dando lezioni di tecnica musicale nei più importanti conservatori musicali del mondo : Parigi, Unione Sovietica, California, Miami, per citarne alcuni. La sua discografia è composta da: “ Live at the Blue Note ” , "Trumpet Evolution" , “ My Passion for the Piano ” , “ For Love or Country: The Arturo Sandoval Story ” , Americana , Hot House , Swingin, Arturo Sandoval & The Latin Train , Danzón & Arturo Sandoval The Classical Album , Dream Come True , I Remember Clifford , Flight to Freedom .
Oggi risiede a Miami con la sua famiglia, ed insegna presso l’Università della sua città.


Immagine

Discografia :

2007 Rumba Palace
2007 Arturo Sandoval & the Latin Jazz Orchestra
2005 Live at the Blue Note
2003 Trumpet Evolution [Japan]
2003 Trumpet Evolution
2003 From Havana With Love
2001 My Passion for the Piano
2001 L.A. Meetings
2001 For Love or Country: The Arturo Sandoval Story [Score]
2001 Americana [Bonus Track]
2000 Ronnie Scott's Jazz House
1999 Americana
1998 Hot House
1996 Swingin'
1996 Just Music
1995 Concerto
1995 Arturo Sandoval y el Tren Latino
1995 Arturo Sandoval & the Latin Train
1994 Cubano
1993 Dream Come True
1993 Danzon (Dance On)
1992 I Remember Clifford
1991 Flight to Freedom
1988 Straight Ahead
1986 Tumbaito
1986 No Problem
1983 Breaking the Sound Barrier
1982 To a Finland Station
Filippo
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1947
Iscritto il: 01/10/2006, 12:59
Località: La culla del Rinascimento

Re: BIOGRAFIE MUSICISTI CUBANI

Messaggioda Filippo » 08/02/2008, 11:21

CELIA CRUZ

Immagine

Úrsula Hilaria Celia Caridad Cruz Alfonso (L'Avana, 21 ottobre 1925 – Fort Lee, New Jersey, 16 luglio 2003) è stata una cantante cubana di salsa. Trascorse gran parte della sua vita negli Stati Uniti d'America e non poté più fare ritorno nella sua amata Cuba.
Celia Cruz è stata una delle cantanti latinoamericane più conosciute e di maggior successo internazionale del secolo XX. Ha ricevuto 22 dischi d'oro. È conosciuta in tutto il mondo per la sua famosa esclamazione ¡Azúcar! (in italiano: Zucchero!), simbolo del suo modo ottimista di affrontare la vita e del suo orgoglio di cittadina cubana (la canna da zucchero è infatti uno dei principali prodotti dell'agricoltura dell'isola).

Nata a L'Avana nel quartiere di Lawton:-D, fu la seconda di quattro fratelli. Studiò per diventare maestra e ricevette lezioni di piano all'Accademia Musicale Municipale. Iniziò a cantare fin da piccola, esordiendo nel 1947 in un programma radiofonico, chiamato La hora del té. Nel 1948 lavorò come cantante per il gruppo Las Mulatas de Fuego di Roderico Rodne Neyra, con il quale viaggiò in turnee in Venezuela e Messico e incise le sue prime canzoni.
Nel 1950 iniziò la sua collaborazione con il gruppo Sonora Matancera, prendendo il posto della cantante Myrta Silva, che si era trasferita in Porto Rico. Con Sonora Matancera registrò il suo primo disco a 78 giri che includeva le canzoni
Cao, cao maní picaó (Scritta daJosé Carbó Menéndez)
Mata siguaraya (Scritta da Lino Frías)
Il successo arrivò immediato e Celia visse con Sonora Matancera il suo periodo artistico d'oro, che durò 15 anni e vide la pubblicazione di molti straordinari successi, quali Burundanga, Caramelos, El hierbero moderno, Tu voz, Ritmo tambó y flores, Pa' la paloma, Nuevo ritmo omelenkó, Vallán vallende, La sopa en botella e molti altri

l 15 luglio 1960 Celia lasciò Cuba per andare a cantare in Messico con Sonora Matancera. Nel 1961 il gruppo andò in tournee negli Stati Uniti. Qua Celia fece le prime esperienze come cantante solista all' Hollywood Palladium. Nel 1962 acquistò un appartamento a New York e, raggiunta dalle notizie della morte, prima del padre, poi della madre, si sposò il 14 luglio con Pedro Knight.
Negli anni successivi iniziò una lunga serie di tournee in Europa e nel mondo intero. Ottenne la cittadinanza statunitense e dichiarò che non sarebbe più tornata a Cuba fintantoché Fidel Castro fosse rimasto al potere.
Nel 1966 fu chiamata da Tito Puente (che Celia aveva conosciuto in Giappone) per lavorare con la sua orchestra. Il frutto della collaborazione con Tito Puente furono 5 album musicali. Lavorò anche con la Orquesta de Memo Salamanca e con Lino Frías. Tutte queste collaborazioni non le dettero però il successo aspettato.
Nel 1973 cantò la sua prima canzone di salsa, Gracia divina, cambiando così genere musicale. Iniziò a lavorare per la casa discografica Vaya Label, per la quale iniziò nel 1974, in coppia con Johnny Pacheco (che era considerato l'inventore del genere salsa) con l'album Celia y Johnny. Ogni singola canzone di quell'album, che vinse il disco d'oro, diventò un grande successo. Fra i brani ricordiamo Químbara, Toro Mata, Vieja luna, Lo tuyo es mental.
Dopo questo successo continuò a cantare con Pacheco e con il gruppo Fania All Stars. Arrivarono altre canzoni indimenticabili come El guaba, La dicha mía, Así cantaba papá, Cúcala. Nel 1977 iniziò a lavorare anche con Willie Colón (altri successi furono Usted abusó, A papá, Pun Pun Pun Calatu, Berimbau, Un bembé pa' Yemayá, Se tambalea)
Negli anni 80 Celia andò varie volte in tournee in America Latina e fu ospite di molti show televisivi, dove cantò con altre stelle della propria epoca. Nel 1982 si riunì di nuovo alla Sonora Matancera e con essa registrò un altro sensazionale successo: Feliz Encuentro. In questo stesso anno le fu reso omaggio con un concerto in suo onore al Madison Square Garden di New York, al quale parteciparono tutti i compagni della sua già lunga carriera artistica, oltre ad altri artisti invitati.
Nel 1989 vinse il suo primo Premio Grammy Latino e fu invitata a celebrare a Central Park i 65 anni di Sonora Matancera.
Nel 1990 riuscì a ritornare a Cuba seppure in territorio statunitense a Guantánamo per un concerto. Là raccolse un pugno di terra cubana, terra che da allora la accompagnerà sempre e che sarà sepolta con lei.
Nel 1992 fece anche capolino nel mondo del cinema con una piccola comparsa nel film di Arne Glimscher I re del mambo. L'anno seguente incise Azúcar negra e Sazón, che furono altri due successi.
Nel 1997 recitò nella telenovela El alma no tiene color.
Nel 1998 incise il disco Mi vida es cantar che contiene quella che è forse la più conosciuta canzone di Celia in Italia, La vida es un carnaval. In questo stesso anno firmò un contratto con Sony music
Nel 2000, con l'album Celia and friends vince il suo secondo Grammy, premio che ottenne anche l'anno successivo con l'album Siempre viviré.
Colta da un tumore cerebrale, continuò a cantare e incise altri due album, La negra tiene tumbao e Regalo del Alma, prima di morire, il 16 luglio 2003 nella sua casa a Fort Lee in New Jersey.
Dopo la sua morte il suo corpo fu portato a Miami e a New York, in modo che tutti potessero renderle omaggio.
Celia Cruz è conosciuta universalmente come La regina della salsa.

(Da Wikipedia)

Immagine

DISCOGRAFIA

SONY Records
"Regalo del Alma"
"La Negra Tiene Tumbao"
"Siempre Viviré"
"Irrepetible"

RMM Records
"Azucar Negra"
"Irrepetible"
"Celia's Duets"
"Celia And Friends"

VAYA Records
"Celia y Johnny"
"Tremendo Cache"
"Recordando El Ayer, Celia, Johnny, Justo Y Papo"
"The Brilliante Best Of Celia Cruz"
"Eternos"
"La Ceiba" - Celia Cruz con La Sonora Poncena
"Celia, Johnny with Pete 'El Conde' Rodriguez"
"Celia y Willie Colon"
"Feliz Encuentro - Celia con La Sonora Matancera
"Tremendo Trio - Celia, Baretto Y Adalberto"
"Ritmo En El Corazon" - Celia con Baretto
"Homenaje A Beny More" - Celia con Tito Puente
"De Nuevo " Celia con Johnny Pacheco
"The Winners"
"Tributo A Ismael Rivera"

TICO Records
"Cuba Y Puerto Rico Son" - Celia Cruz Y Tito Puente
"Son Con Guaguanco"
"Bravo"
"A Ti Mexico"
"Serenata Guajira"
"La Excitante"
"El Quimbo Quimbumbia" - Celia Y Tito Puente
"ETC, ETC, ETC"
"Alma Con Alma" - Celia Cruz Y Tito Puente
"Nuevos Exitos De Celia Cruz"
"Algo Especial Para Recordar" - Celia Y Tito Puente
"The Best Of Celia Cruz"
"A Todos Mis Amigos"

SECCO Records
"Cuba's Foremost Rhythm Singer" Con La Sonora Matancera
"Mi Diario Musical"
"Con Amor" - Celia Cruz con La Sonora Matancera
"Canta ..."
"La Reina Del Ritmo Cubano"
"Grandes Exitos De Celia Cruz"
"La Incomparable Celia Y Sonora Matancera"
"Su Favorita"
"La Dinamica"
"Reflexiones De Celia Cruz"
"Canciones Premiadas De Celia Cruz"
"Mexico Que Grande Eres Con Celia Cruz"
"La Tierna, Conmovedora, Bamboleadora" - Celia Cruz con La Sonora Matancera
"Canciones Que Yo Quer’a Haber Grabado Primero" - Celia Cruz con Orquesta
"Canciones Inolvidables"
"Homenaje A Los Santos con Celia Cruz"
"Sabor Y R’tmo De Pueblos"
"Homenaje A Los Santos, Celia Cruz Vol. II"
"El Nuevo Estilo De Celia Cruz"
"Homenaje A Yemaya De Celia Cruz"
"Festejando Natividad Con Celia Cruz"
"Celia Cruz Interpreta El Yerbero Y La Sopa En Botella"
Filippo
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1947
Iscritto il: 01/10/2006, 12:59
Località: La culla del Rinascimento

Messaggioda Guapatunera » 08/02/2008, 12:55

Azucarrrrrrrrr !
Immagine
Avatar utente
Guapatunera
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2011
Iscritto il: 12/09/2007, 16:19

Messaggioda tio gigi » 08/02/2008, 13:04

Celia non è nata a Santo Suarez......ma bensì a

LAWTON

correggere s'il vous plait.....
Avatar utente
tio gigi
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2807
Iscritto il: 18/01/2007, 15:58
Località: varese - lawton

Messaggioda Filippo » 15/02/2008, 16:24

RUBEN GONZALES

Immagine

E’ nato nel 1919 a Santa Clara. abbandona gli studi di medicina nel 1941 per trasferirsi all' Havana, cercando cos' di mettere in luce la sua dote di grande musicista...Cosi entra a far parte dopo qualche anno del gruppo di Arsenio Rodriguez: "il Conjiunto", poi seguirono il " Mongo Santa Maria " e il "Los Hermanos" .
Egli fu uno dei primi a sperimentare il Mambo, il cha cha e il jazz.
Fece parte del gruppo Orquesta America 55, collaborando con il grande violinista Eriique Jorrin, e proprio negli anni 50 fece diversi viaggi in Argentina e Panama scoprendo nuovi ritmi con diversi musicisti di tango. Rientrò all'Havana nel 60 e il successo da allora non si fermò più ; famosissimo sia per l'album che per il film " Buena Vista Social Club" redatto da Ry Cooder..
Negli anni ‘80 aveva lasciato la musica, perché bloccato da una fastidiosa artrite; nel 1996, però, era tornato alla ribalta con il gruppo Afro Cuban All-Stars, nel quale, si era ritrovato con Omara Portuondo, Compay Segundo, Ibrahim Ferrer. Il loro album " A toda Cuba le gusta", con Ry Cooder alla chitarra, era stato un po’ una anticipazione del progetto Buena Vista.
Grazie al loro successo tutto il mondo riscopre la musica cubana, e con essa, i suoi artisti!
Nel 1997 Ruben incide due album da solista: "Introducing", e nel 2000 l’album "Chanchullo". Ruben Gonzales ci lascia l' 8 dicembre 2003 all' età di 84 anni, non ci resta altro che ricordarlo come "il Grande pianista" .


Immagine
Álbum
Como solista
1997 Introducing...Rubén González
1998 Indestructible
1999 Estrellas de Areito
2000 Rubén González & Friends
2000 Chanchullo
Con Afro-Cuban All Stars
1997 A Toda Cuba Le Gusta
1999 Distinto Diferente
Con Buena Vista Social Club
1997 Buena Vista Social Club
Filippo
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1947
Iscritto il: 01/10/2006, 12:59
Località: La culla del Rinascimento

Messaggioda Filippo » 22/02/2008, 12:15

COMPAY SEGUNDO


Immagine




Compay Segundo, al secolo Maximo Francisco Repilado Muñoz, cantautore cubano e star del "Buena Vista Social Club" era assurto negli ultimi anni allo "status" di leggenda, almeno nei paesi occidentali, dove era poco conosciuto.
Compay Segundo ha infatti suonato nel suo paese per circa 80 anni ma ha conquistato la fama solo in tarda età, nel 1997, quando uscirono l'album (vincitore di un Grammy Award) di Ry Cooder e il film di Wim Wenders "Buena Vista Social Club". Dischi e film hanno segnato le mode, dando origine ad un vero e proprio fenomeno sociale.

Il simpatico Compay (basta vederlo ritratto in qualche scatto per trovarlo subito irresistibile), nasce il 18 novembre 1907 a Siboney, vicino Santiago di Cuba. Fin da piccolo culla la sua passione per la musica suonando vari strumenti tra cui il "tres", una sorta di chitarra a tre coppie di corde.
Comincia la sua carriera di musicista come clarinettista nel 1920 partecipando al rilancio del "son", genere musicale tradizionale cubano, al fianco di musicisti del calibro di Sindo Garay, Nico Saquito, Miguel Matamoros e Benny Morè. Si guadagna il soprannome "Compay Segundo" suonando con Lorenzo Hierrezuelo nel duo "Los compadres" a partire dal 1942.

Dopo aver composto centinaia di canzoni, nel 1956 Compay forma il suo primo gruppo: "Compay Segundo y sus muchachos", che esordisce come trio e diviene in seguito un quartetto. Malgrado il grande successo ottenuto, in seguito alla rivoluzione cubana, passa nel dimenticatoio, ma grazie al progetto prima ricordato di Ry Cooder e Wim Wenders viene restituito alla meritata celebrità. Che stavolta raggiunse livelli mondiali e gli consegna la definitiva immortalità artistica.

Dopo il successo dei Buena Vista, Compay si è infatti esibito nei più importanti palcoscenici del mondo ed ha inciso nove dischi.
Nell'ultimo, intitolato "Duets", il cantante cubano duetta con stelle internazionali tra le quali Cesaria Evora, Charles Aznavour e l'attore Antonio Banderas.

Immagine

Tra i suoi maggiori successi è doveroso citare "Amor gigante", "Una rosa de Francia", "Maria en la playa", "Morir de amor", cantata nientemeno che con il chansonnier-istrione francese Charles Aznavour, e "Chan chan".

L'inarrestabile musicista cubano, presente sulle scene fino agli ultimi istanti di vitale di energia (l'ultimo spettacolo nel quale si era esibito al fianco di altre star cubane dei Buena Vista come Ibrahim Ferraira, Eliades Ochoa e Omara Portuondo, lo aveva tenuto nel febbraio 2002), si è spento il 14 luglio 2003 all'età di 95 anni, stroncato da una grave forma di insufficienza renale.
Filippo
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1947
Iscritto il: 01/10/2006, 12:59
Località: La culla del Rinascimento

Messaggioda Filippo » 23/02/2008, 9:42

GLORIA ESTEFAN

Immagine


Gloria Maria Milagrosa Fajardo, al secolo Gloria Estefan, nasce l’ 1 settembre 1957 all’ Habana (Cuba). Il padre era militare addetto alla protezione del dittatore Fulgencio Batista (in seguito spodestato dai Barbudos Castristi). Proprio con l’arrivo dei rivoluzionari la Famiglia Fajardo emigrò negli Stati uniti e precisamente a Miami (Florida). Il padre non pago della riparata negli States si inserì nel commando dei Cubani anticastristi in quell’invasione storica della Baia dei Porci (dove gli statunitensi furono sconfitti). Gloria all’epoca dei fatti aveva appena 4 anni.

Dopo ciò, Josè Fajardo si arruolò nell’esercito americano e prese parte alla battaglia del Vietnam.

Dopo due anni gli fù diagnosticata una sclerosi multipla.

Verso la fine degli anni sessanta Gloria doveva badare sia al padre che alla sorella Rebecca, mentre sua madre cercava di “sbarcare” il lunario lavorando da mattina a sera. Nel poco tempo libero che aveva Gloria cantava per locali e si divertiva a strimpellare la chitarra. Nel 1975 si iscrive alla facoltà di psicologia dell’ Università di Miami. Il canto allora era un divertimento, raramente faceva la corista in un gruppetto di giovani cubani i “Miami Boys”. Il tastierista del gruppo, però, era una persona speciale, diversa. Se ne innamorò e lo sposò; si trattava di Emilio Estefan Jr. A quel punto il canto diventò più importante, cominciò a scrivere canzoni e a cantare per tutta la serata come voce solista.Vista l’improvvisa popolarità, a livello locale, il gruppo cambiò il nome in “Miami sound machine”. Nel 1978 si laurea in psicologia e sposa Emilio. Fatto curioso: quando entrò in chiesa, si avvicinò all’altare da sola, senza essere accompagnata da nessuno. Secondo lei l’unico uomo che era degno di accompagnarla era il padre, ma, era ricoverato in fin di vita all’ospedale. La riconobbe subito e, nonostante avesse perso il dono della parola riuscì stentatamente a dirle: Glorita… Nell’ 80 muore il padre e nasce il suo primo figlio Nayib. Fino al 1983 il gruppo pubblicò ben quattro album per la CBS international. Nel 1984 conobbero la notorietà attraverso il singolo "Dr. Beat", che arrivò al 10° posto nella Hit Parade Americana, a quel punto la CBS passò la band alla divisione rock-music internazionale, la Epic Records.

Dopo il primo album con la Epic, eyes of innocense nell’1984 che andò discretamente bene, continuarono con un album in inglese, Primitive love nell’1985 ed il singolo "Conga" (nei Top Ten, dagli album "Bad Boy" e "Words Get in the Way"). La musica ritmata con le percussioni fu un grande successo.
Gli album fecero vincere ai "Miami Sound Machine" due American Music Awards nel 1986, uno come Migliori Nuovi Artisti Pop ed uno per il Singolo Pop Migliore.
Gloria era l'immagine della band, quindi cambiarono il loro nome in Gloria Estefan ed i Miami Sound Machine, nel 1989 "solo" Gloria Estefan pubblicò l'album "Cuts Both Ways”.
Il segreto che ha contribuito e che le permette di continuare sull'onda del successo è la doppia cultura cubana ed americana che ha avuto e che fonde in maniera perfetta nelle sue composizioni.
È amata e chiamata affettuosamente "nuestra glorita" (la nostra piccola Gloria) dalla comunità cubana di Miami.
Nel marzo 1990, durante un tour Gloria rimase quasi uccisa, il pullman dove lei stava dormendo fu travolto da un tir sull'autostrada in Pennsylvania. Per le gravi lesioni riportate durante l'incidente, rimase paralizzata temporaneamente: ci vollero 4 ore di operazione chirurgica per impiantarle permanentemente due lastre al titanio (8 pollici) per allineare e stabilizzare la sua colonna vertebrale. A dispetto di una prognosi scoraggiante per un totale recupero, Gloria fece un ritorno al palco scenico, dopo un anno di terapia fisica ed al supporto affettuoso di migliaia di fans che la riempirono di ben 5.000 mazzi di fiori, 10.000 telegrammi e 50.000 tra cartoline e lettere.
Dopo l’uscita dell'album “Into the light”, con un tour in cui visitò 29 paesi, il singolo "Coming Out of the Dark" toccò la cima delle classifiche.

Il desiderio di avere un altro bambino era grande, per mesi cercarono di concepirlo ma senza successo. Fece alcuni esami che rilevarono un danno alle Tube di fallopio. Un altro intervento corresse il problema e, nel dicembre 1992, nacque la secondogenita Emily Marie mentre l'album Greatest Hits vinse un disco di platino.
Nel 1993 ricevette una Laurea Onoraria per la Musica dall'Università di Miami, una statua di cera al museo londinese "Madam Tussaud", una stella nella "Hollywood Walk of Fame", un Grammy Award per il miglior album Tropical Latino con "Mi Tierra" e pubblicò l'album natalizio "Christmas Through Your Eyes".
Vinse un secondo Grammy Award per la Migliore Performance, con l'album "Abriendo Puertas".
Nel 1996 è uscito il suo ultimo album "Destiny" che contiene il singolo "Reach" colonna sonora dei Giochi Olimpici di Atlanta, presentato durante la cerimonia di apertura e per il quale ha ricevuto un'altra nomination per il Grammy. Dopo "Into The Light", la sua ultima raccolta di brani in inglese, pubblicata nel gennaio 1991 dopo l'incidente, Gloria si imbarcò in un viaggio avventuroso attraverso le sue origini musicali.
Nel 1993 con "Mi Terra" esplorò la musica classica cubana; nel 1994 "Hold Me,Thrill Me, Kiss Me" propose una raccolta di alcuni dei suoi brani rock e pop preferiti.
Nel 1995 pubblicò "Abriendo Puertas", un album pop-dance in spagnolo che prendeva spunto da molte forme musicali latino-americane. Durante questi anni densamente produttivi continuava a lavorare a "Destiny".
Intanto l’album caraibico "Mi Tierra" divenne un successo internazionale, con più di 4 milioni di copie vendute in tutto il mondo (disco di platino negli Stati Uniti) e Gloria ottenne il suo primo Grammy nella categoria miglior album tropicale latino. In Spagna " Mi Tierra" divenne l'album più venduto nella storia del paese.

Immagine

"Destiny" continuava a rimanere a uno stadio iniziale. Nel 1994 è nata Emily. "Destiny" era ancora in gestazione. Finalmente arriva un album molto importate per Gloria:"Abriendo Puertas" che conteneva tra le altre cose brani come “Milagro” e soprattutto "Mas Alla", che l'artista interpretò (con un'orchestra di 62 elementi) per papa Giovanni Paolo II in Vaticano, nell'ottobre del 1994.
Il Miami Herald descrisse "Abriendo Puertas" come "una fusione dance pan-latino americana costruita brillantemente su combinazioni strumentali improbabili e strati di stili e ritmi".


Nel frattempo continua la lavorazione di “Destiny” che conteneva tra l’altro l’inno ufficiale delle olimpiadi di Atlanta del 1992. Nel disco c’era molta cultura afrocubana mezclata alla musica statunitense. Per l’incisione vennero utilizzati oltre ai normali strumenti etnici anche cose “strane” tipo bidoni della spazzatura ecc. "Mi Tierra " e "Abriendo Puertas" erano album molto diversi, ma sono stati accettati entrambi molto bene dai fans di tutto il mondo per la loro musica dice Gloria Estefan. Quello che rende diverso "Destiny" è la lingua inglese, ovviamente, ed anche le melodie sono più inglesi, perché devono accompagnare le parole. Ma si mescola tutto molto bene e diventa tutto molto naturale.
Nel 2000 esce "Alma Caribeña" disco d'oro negli stati uniti,nel 2003 Unwrapped",nel 2004 la raccolta molto acclamata "Amor y Suerte: Exitos Romanticos ".
A settembre del 2007 è uscito il suo nuovo disco, primo vero disco cubano: " In 90 millas " distanza fra Cuba e Florida, al disco ha collaborato anche Carlos Santana.

Oggi Gloria Estefan vive in una splendida villa a Miami a 15 minuti dalla "Freedom Tower", con la sua famiglia e i suoi cani.


Immagine

Discografia

Con i Miami Sound Machine

1977 - Renacer
1978 - Miami Sound Machine
1979 - Imported
1980 - MSM
1981 - Otra Vez
1982 - Rio
1984 - A Toda Maquina
1984 - Eyes of Innocence - US: Disco d'oro
1986 - Primitive Love - US: 3 dischi di platino
1987 - Let It Loose - US: 4 dischi di platino
1988 - Anything For You (riedizione di Let It Loose per il mercato britannico)

Da solista

1989 - Cuts Both Ways - US: 3 dischi di platino
1990 - Exitos de Gloria Estefan
1991 - Into the Light - US: 2 dschi di platino
1992 - Greatest Hits - US: 4 dischi di platino
1993 - Mi Tierra - US: 1 disco di platino
1993 - Christmas Through Your Eyes - 1 disco di platino
1994 - Hold Me, Thrill Me, Kiss Me - US: 2 dischi di platino
1995 - Abriendo Puertas - US: Disco d'oro
1996 - Destiny - US: Disco d'oro
1998 - Gloria! - US: Disco d'oro
2000 - Alma Caribeña - US: Disco d'oro
2001 - Greatest Hits, Vol. II
2003 - Unwrapped
2004 - Amor y Suerte: Exitos Romanticos
2007 - 90 Millas
Filippo
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1947
Iscritto il: 01/10/2006, 12:59
Località: La culla del Rinascimento

Re: BIOGRAFIE MUSICISTI CUBANI

Messaggioda cubanito74 » 23/02/2008, 10:34

[quote="Filippo"]CELIA CRUZ

Immaginequote]

E' la TOP!!!! :smt023 :smt023 :smt023
Talpatolk...........attenzione all' infiltrato

Lavorare, lavorare, lavorare.......preferisco il rumore del mare ! Immagine
Avatar utente
cubanito74
Camajan
Camajan
 
Messaggi: 8452
Iscritto il: 24/11/2007, 13:51
Località: Comacchio - La Habana

Messaggioda stryno » 15/03/2008, 15:25

Filippo ha scritto:RUBEN GONZALES

Immagine


qui ritratto con Ibrahim Ferrer, grande..grandissima voce del Son e del Bolero :smt023
Avatar utente
stryno
Utente Esperto
Utente Esperto
 
Messaggi: 3526
Iscritto il: 10/10/2006, 15:11
Località: Varese - Camaguey

Prossimo

Torna a CULTURA CUBANA

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti