CUBA Y LA ECONOMÍA CASTRISTA

Di tutto un po' su Cuba

Moderatori: bambolino, mircocubano

Re: CUBA Y LA ECONOMÍA CASTRISTA

Messaggioda Guajiro. » 10/06/2018, 12:09

¿Por qué no funcionan los seguros en Cuba?

Immagine

La práctica de la actividad aseguradora en Cuba deja mucho que desear. No tiene nada que ver con lo que ocurre en el resto del mundo. Para empezar, el sector es cuasi monopólico, totalmente controlado y de propiedad estatal, como otros renglones de la economía. Y esa propiedad estatal no supone mayores garantías.

Antes de la llegada de la llamada “revolución” Cuba contaba con un sector asegurador moderno, competitivo y de vanguardia internacional. Como otras tantas actividades, el seguro se vino abajo tras las confiscaciones, expropiaciones sin compensaciones de las empresas, y atropellos del proceso revolucionario. A mediados de los años 60, poco después de la creación por el estado de Seguros Internacionales de Cuba, S.A (Esicuba) el sector se había convertido en un erial. Sin profesionales, ni expertos, ni ejecutivos que se vieron obligados al exilio por las denuncias y la represión de aquellos momentos, el sector entró en una crisis latente que ha mantenido hasta nuestros días, viendo su actividad condicionada por la intervención de su único dueño, el estado.

¿Por qué decimos que el sector asegurador en Cuba deja mucho que desear?

La respuesta a esta pregunta se encuentra en los productos que se ofrecen a través de las dos empresas Seguros Internacionales de Cuba, S.A (Esicuba) y la Empresa de Seguros Nacionales (Esen). Un análisis de los mismos permite comprobar que el seguro a las personas, que es el que más presencia tiene en la actividad del sector, en Cuba queda relegado básicamente a la cobertura de “gastos médicos por enfermedad y accidente, incluye un servicio de asistencia a personas de Cuba y en el exterior, con coberturas para imprevistos durante el viaje”. ¿No habíamos quedado en que la sanidad es uno de los grandes logros de la revolución, y que es universal y gratuita. Parece que no, siendo esta modalidad financiable mediante seguros.

Al no atender a las necesidades de las personas en sus distintas modalidades (seguro de vida, seguro de préstamo y crédito, seguro del automóvil privado, seguro de la vivienda, seguro frente a terceros, etc) la actividad del sector del seguro en Cuba queda relegada básicamente a las pocas actividades productivas que no están directamente controladas por el estado y en su mayoría relacionadas con la inversión, la construcción, las actividades profesionales y comerciales y los bienes directamente vinculados a las mismas.

De ese modo, nos encontramos con supuestos tan inquietantes como que se aseguren las ferias y eventos, o las cargas de los transportistas, y sin embargo, no se tenga conocimiento de la existencia de seguros de automóvil o de vivienda ( todos los días hay accidentes de autos, y las viviendas se caen). En un país en que la ratio de motorización de la población es de los más bajos del mundo y donde la propiedad de la vivienda se encuentra condicionada por la titularidad estatal de los activos, nada de esto es extraño. Quien asegura un activo es porque es suyo y tiene algún interés en el mismo. Cuando no eres propietario ni te consta dicho derecho, el seguro carece de todo sentido.

Un país en el que los fenómenos ciclónicos son frecuentes, y los riesgos asociados a los mismos muy elevados, necesita contar con un sistema asegurador competitivo y responsable. No sólo para dar respuesta a los hoteles e instalaciones arrasadas por los huracanes, sino también a la población, que debe esperar meses a que el estado, en ejercicio de sus responsabilidades, asuma la reconstrucción de los daños. Esta bien pagar 33 millones de CUC al sector del turismo tras el paso del huracán Irma, pero ¿cuánto se ha destinado a la población civil para la recuperación de sus viviendas?

La proyección internacional de la actividad aseguradora en Cuba tropieza con esa limitación del mercado interno que afecta al sector. Si no se puede atender a la población, que es con diferencia el sector más relevante para el seguro, acudir a los mercados internacionales a reasegurar las primas, tiene poco sentido. Y si Esicuba no tiene el apoyo que necesita, no es por causa del embargo o bloqueo, sino de esta limitación estructural a su actividad que, con el tiempo, tendrá que ser removida como otros muchos obstáculos que existen en la economía nacional.

Porque no se debe confiar Esicuba en orientar su actividad solamente hacia los riesgos empresariales. Porque siendo importante su cobertura y atención, el mercado que representan es limitado, y en ocasiones, tiene menos interés que el asociado a los particulares. El problema para generalizar esta actividad aseguradora en Cuba, además de las restricciones impuestas por el régimen, se encuentra en el bajo poder adquisitivo de la población, que con salarios inferiores a 30 dólares al mes, no tiene capacidad para afrontar los pagos de las primas y por ello, ni se plantea contratar seguros. Una fórmula podría ser vincular en las empresas el seguro a las retribuciones de los trabajadores, pero dado el carácter estatal de la mayoría de organizaciones existentes en el país, su motivación para este tipo de operaciones, es prácticamente inexistente.

Por ello, no es cierto, como se dice en un artículo publicado en Granma, que la actividad de seguros en Cuba se sitúe al mismo nivel que en el resto del mundo. Es posible que la operatoria se adecue a los estándares internacionales y que las relaciones con el sector del mercado de seguros y reaseguros tienen alcance internacional (entonces, ¿dónde está el embargo?) el problema, como ya se ha señalado, reside en la baja cobertura de operaciones y el carácter limitado del mercado, que impiden cualquier comparación.

El mejor ejemplo son esos 40 productos de Esicuba que condicionan la gestión del seguro en Cuba, en actividades como “la aviación civil cubana, el crecimiento de las flotas, la concreción de nuevas aerolíneas y el crecimiento de los aeropuertos, el comercio exterior, el turismo, la industria y las telecomunicaciones, la industria del petróleo con las perforaciones de pozo en tierra y las perforaciones en aguas profundas, la inversión extranjera, las actividades empresariales que se están desarrollando, la cartera de oportunidades y sus opciones de negocios para el sector de los Seguros, con el seguro de crédito y caución, seguros de fianza en licitaciones de contratos, y finalmente, el seguro de vida de la Esen”. Todo muy macro. De la serie de productos, el único dirigido a las personas es este último, pero se tiene la sensación que su nivel de desarrollo es escaso y limitado, encontrándose en una fase primitiva. ¿Ha visto alguien algún seguro agrario para las cosechas?¿algún seguro de decesos?

Desde que los llamados “lineamientos” promoviesen la actividad del seguro en la economía cubana, las autoridades se han dado prisas por relanzar esta actividad que, según dicen, tropieza con un gran desconocimiento por parte de la población, desinformación y desinterés general. Incluso hablan de una falta de cultura de seguros en el país. No estoy de acuerdo con esto. Lo cierto es que los cubanos, cuando salen de la isla y se establecen en otro país, inmediatamente contratan todo tipo de seguros. Son muy buenos clientes del seguro. Conocen bien su funcionamiento y lo que reciben a cambio.


Las autoridades comunistas deberían preguntarse por qué eso mismo no sucede en Cuba, y tal vez lleguen a conclusiones más acertadas que hablar de boberías como la "falta de cultura del seguro". Sin sector privado y sin derechos de propiedad para proteger, el seguro es una majadería más. Con cambios institucionales en la línea de consolidar un marco estable para los derechos de propiedad privada en Cuba la situación podría cambiar. La “actualización” y los llamados “lineamientos” deberían ir por ahí y no perderse por las nubes.
¡¡¡¡ A Cuba todo es posible ...... nada está seguro !!!!
Avatar utente
Guajiro.
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 7361
Iscritto il: 20/03/2012, 19:03

Re: CUBA Y LA ECONOMÍA CASTRISTA

Messaggioda CELESTE HENRY » 10/06/2018, 20:29

GUAJIRO,
MI INTERESSA QUESTO ARTICOLO. ME LO PUOI TRADURRE.

CELESTE HENRY ::captain
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2788
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: CUBA Y LA ECONOMÍA CASTRISTA

Messaggioda Guajiro. » 10/06/2018, 23:59

CELESTE HENRY ha scritto:GUAJIRO,
MI INTERESSA QUESTO ARTICOLO. ME LO PUOI TRADURRE.

CELESTE HENRY ::captain

Mahhh...non è che per caso vuoi aprire una oficina a La Habana.... ;-)
¡¡¡¡ A Cuba todo es posible ...... nada está seguro !!!!
Avatar utente
Guajiro.
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 7361
Iscritto il: 20/03/2012, 19:03

Re: CUBA Y LA ECONOMÍA CASTRISTA

Messaggioda Guajiro. » 11/06/2018, 21:14

Guajiro. ha scritto:
CELESTE HENRY ha scritto:GUAJIRO,
MI INTERESSA QUESTO ARTICOLO. ME LO PUOI TRADURRE.

CELESTE HENRY ::captain

Mahhh...non è che per caso vuoi aprire una oficina a La Habana.... ;-)

TRADUZIONE

La prassi dell'attività assicurativa a Cuba lascia molto a desiderare. Non ha niente a che vedere con quello che succede nel resto del mondo. Per incominciare, il settore è quasi mono politico, completamente controllato e di proprietà statale, come altri settore dell'economia. E questa proprietà statale non presume maggiori garanzie.

Prima dell'arrivo della cosiddetta "rivoluzione" Cuba contava su un settore assicuratore moderno, competitivo e di avanguardia internazionale. Come altrettante attività, il settore assicurativo crollò dopo le confische, gli espropri senza compenso delle compagnie e gli abusi del processo rivoluzionario. A metà degli anni 60 poco dopo la creazione da parte dello stato di “Assicurazioni Internazionali di Cuba, S.A” (Esicuba) il settore si era trasformato in un terreno incolto. Senza professionisti ne esperti, con dirigenti che si videro obbligati all'esilio per le denunce e la repressione data da quegli eventi il settore entrò in una crisi latente che ha mantenuto fino ai giorni nostri, vedendo l'attività condizionata per l'intervento del suo unico padrone, lo stato.

Perché diciamo che il settore assicurativo in Cuba lascia molto a desiderare?

La risposta a questa domanda si trova nei prodotti che vengono offerti attraverso le due imprese “Assicurazioni Internazionali di Cuba, S.A" (ESICUBA), e “Assicurazioni Nazionali” (ESEN). Un'analisi delle stesse permette di comprovare che l'assicurazione alle persone, che è quella che ha più presenza nell'attività del settore, a Cuba rimane relegata essenzialmente alla copertura di "spese mediche per malattia ed incidente, include un servizio di assistenza a persone a Cuba e all'estero, con coperture per imprevisti durante il viaggio."Non eravamo rimasti che la sanità è uno dei grandi risultati della rivoluzione, e che è universale e gratuita. Sembra di no, essendo questa modalità finanziabile mediante assicurazione”.

Non servendo le necessità delle persone nelle sue distinte modalità (assicurazione sulla vita, assicurazione per prestito e credito, assicurazione dell'autovettura, assicurazione dell'abitazione, assicurazione contro terzi, ecc.), l'attività del settore dell'assicurazione a Cuba rimane relegata essenzialmente alle poche attività produttive che non sono direttamente controllate dallo stato e nella sua maggioranza riferite con l'investimento, la costruzione, le attività professionali e commerciali ed i beni direttamente vincolati alle stesse.

In questo modo, ci troviamo con ipotesi tanto inquietanti come quando si assicurano eventi e fiere, o i carichi degli autotrasportatori, e tuttavia non si tenga conoscenza dell'esistenza di assicurazioni di autoveicoli o di abitazioni (tutti i giorni ci sono incidenti stradali, e le abitazioni crollano). In un paese in cui il rapporto di motorizzazione della popolazione è uno dei più bassi al mondo e dove la proprietà della casa è condizionata dalla proprietà statale delle attività, niente di questo è strano. Chi assicura un attività è perché è sua e ha qualche interesse nel farlo. Quando non sei proprietario e non ti aspetta questo diritto, l'assicurazione non ha alcun senso.

Un paese nel quale i fenomeni ciclonici sono frequenti, ed i rischi associati agli stessi molto elevati, si deve contare su un sistema assicurativo competitivo e responsabile. Non solo nel dare risposte agli Hotel ed installazioni rase al suolo dagli uragani, ma anche alla popolazione, che deve aspettare mesi perchè lo stato in esercizio delle sue responsabilità assuma la ricostruzione dei danni subiti. Va bene pagare 33 milioni di CUC al settore del turismo dopo il passo dell'uragano Irma, ma quanto si è destinato alla popolazione civile per il recupero delle sue abitazioni?

La proiezione internazionale dell'attività assicurativa a Cuba è bloccata da quella limitazione del mercato interno che colpisce il settore. Se la popolazione (che è di gran lunga il settore più rilevante per le assicurazioni) non può essere soddisfatta è poco sensato rivolgersi ai mercati internazionali per riassicurare i premi. E se ESICUBA non ha l'appoggio che necessita, non certo per causa dell’embargo o del bloqueo, bensì dato da questa limitazione strutturale alla sua attività che nel tempo dovrà essere rimossa come molti altri ostacoli che esistono nell'economia nazionale.

Perché non ci si dovrebbe fidare di Esicuba nel focalizzare la propria attività solo nei confronti dei rischi aziendali. Poiché la sua copertura e attenzione sono importanti, il mercato che rappresenta è limitato e a volte ha meno interesse di quello associato ai privati. Il problema in generale di questa attività assicurativa a Cuba oltre alle restrizioni imposte per il regime, è dato dal basso potere acquisitivo della popolazione, che con salari inferiori a 30 dollari al mese non ha le capacità nell'affrontare i pagamenti dei premi e quindi di conseguenza nemmeno contrarre assicurazioni. Una formula potrebbe essere vincolare le aziende con l'assicurazione legata alle retribuzioni dei lavoratori , ma dato il carattere statale della maggioranza delle organizzazioni esistenti nel paese, la sua motivazione per questo tipo di operazioni, è praticamente inesistente.

Per ciò, non è esatto quanto si dice in un articolo pubblicato dal Granma che l'attività assicurativa a Cuba si inserisce allo stesso livello che nel resto del mondo. È possibile che l'operazione sia adeguata agli standard internazionali e che i rapporti con il settore del mercato assicurativo e riassicurativo abbiano portata internazionale. (Ma allora, dove sta l’embargo?) Il problema, come già si è segnalato, risiede nella scarsa copertura delle operazioni e la natura limitata del mercato, che ne impedisce qualsiasi confronto .

Il migliore esempio sono i 40 prodotti di ESICUBA che condizionano la gestione dell'assicurazione a Cuba, in attività come: "l'aviazione civile cubana, la crescita delle flotte, la creazione di nuove linee aeree e la crescita di aeroporti, il commercio estero, il turismo, l'industria e le telecomunicazioni, l'industria petrolifera con le perforazioni di pozzi sulla terra ferma e le perforazioni in acque profonde, l'investimento straniero e le attività imprenditoriali che si stanno sviluppando, il portafoglio di opportunità e le loro opzioni di business per il settore assicurativo, con l'assicurazione del credito e delle fideiussioni, le fideiussioni nelle gare d'appalto e infine, l'assicurazione sulla vita da parte di ESEN." Tutto molto macro. Di tutti questi prodotti, l'unico diretto alle persone è l'ultimo, ma si ha la sensazione che il suo livello di sviluppo sia scarso e limitato trovandosi in una fase primitiva. Qualcuno ha visto qualche assicurazione agraria per i raccolti, o qualche assicurazione sulla vita?

Dopo che le cosiddette "linee guida" promuovevano l'attività dell'assicurazione nell'economia cubana, le autorità si sono affrettate nel rilanciare constatazioni affermando che “ci si imbatte in una gran ignoranza da parte della popolazione,di disinformazione e disinteresse generale”. Parlando persino di una mancanza di cultura assicurativa nel paese. Non sono d’accordo con questo. La cosa certa è che i cubani, quando escono dall'isola e si stabiliscono in un altro paese, immediatamente contrattano ogni tipo di assicurazione. Sono molto buoni clienti dell'assicurazione. Conoscono bene il suo funzionamento e quello che ricevono in cambio.

Le autorità comuniste dovrebbero chiedersi perché ciò non accade a Cuba e forse giungerebbero a conclusioni più azzeccate che parlare di sciocchezze come la mancanza di "cultura della assicurazione." Senza settore privato e senza diritti di proprietà da proteggere, l'assicurazione è una assurdità. Con cambiamenti istituzionali nel consolidare e in linea con una cornice stabile per i diritti di proprietà privata a Cuba, la situazione potrebbe cambiare. Gli "aggiornamenti" e le cosi dette "linee guida" dovrebbero andare in quella direzione e non perdersi fra le nuvole.
::fuma
¡¡¡¡ A Cuba todo es posible ...... nada está seguro !!!!
Avatar utente
Guajiro.
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 7361
Iscritto il: 20/03/2012, 19:03

Re: CUBA Y LA ECONOMÍA CASTRISTA

Messaggioda CELESTE HENRY » 13/06/2018, 10:20

Molto interessante, Guajiro.

Pensate solo se Cuba liberalizzasse il settore assicurativo. Sarebbe un primo segnale di modernizzazione della Nazione, rispetto all' arretratezza economica, sociale, e anche culturale del sistema marxista e collettivista del Castrismo.

Ho parlato, non a caso, di cultura assicurativa, che viene citata anche nell' articolo, che I cubani, emigrati negli Stati Uniti, hanno gia' recepito come uno dei valori primari di prevenzione e previdenza della loro vita.

Pensate solo al ritorno economico e finanziario che avrebbe il governo Cubano se sviluppasse il settore assicurativo privato, aperto non solo ai cittadini cubani ma anche alle aziende internazionali per potrebbero assicurare alcuni rischi direttamente presso le compagnie di assicurazioni dell' Isola, selezionate per loro serieta' e capitalizzazione.

La rivoluzione assicurativa sarebbe il grimaldello per il riconoscimento della proprieta' privata.

Se fosse introdotto questo caposaldo che contraddistingue un sistema democratico da un regime come quello castro marxista, i cittadini e le aziende avrebbero tutto l' interesse a ristrutturare e rendere sicuri tutti gli immobili, che ora cadono a pezzi, in quanto di loro proprieta'.

Certo bisognerebbe rifare tutte le strade e autostrade cubane, modernizzare il parco auto circolante a Cuba, rispetto ai
" catafalchi " circolanti oggi.

Per quanto riguarda l' instabilita' del tempo e i continui cicloni tipici della zona caraibica, i rischi assicurativi sarebbero frazionati in varie quote assicurative e riassicurati in tutto il mondo, se il patrimonio immobiliare e le relative strutture fosse ammodernato con caratteristiche costruttive piu' stabili.

Il tutto senza stravolgere le caratteristiche del paesaggio e delle tradizioni che hanno reso Cuba unica.

CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2788
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Precedente

Torna a Tematiche generali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron