FAQ Ricongiungimento Familiare

inviti, matrimoni, divorzi,.....

Moderatore: lukankasi

FAQ Ricongiungimento Familiare

Messaggioda cherido » 19/10/2007, 16:43

Cosa devo fare per ottenere il Ricongiungimento Familiare ?

Innanzitutto la persona cubana deve procurarsi il passaporto, successivamente deve prenotare l' appuntamento presso L' Ambasciata Italiana a L' avana.

Come faccio a prendere l' appuntamento in ambasciata ?

Devi prendere appuntamento sul sito del consolato italiano all'Avana.

nell'oggetto devi scrivere RICHIESTA TURNO PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE

devi inoltre inserire i dati della persona Cubana, il numero di passaporto e il numero della carta d' identità

Oltre alla richiesta di appuntamento cosa devo fare ?

Devi predisporre la documentazione necessaria per il rilascio del visto e spedirla tramite corriere sicuro alla persona cubana.


Sono Cittadino Italiano, per chi posso richiedere il Ricongiungimento Familiare?

I Cittadini Italiani e Comunitari, possono richiedere il Ricongiungimento Familiare per i seguenti familiari:

1)Coniuge
2)Figli minori del coniuge
1.Figli (del coniuge) maggiorenni a carico qualora permanentemente non possano provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute
3)Suoceri a carico


Che tipo di documentazione devo predisporre ?

1.formulario per la domanda del visto d'ingresso http://www.esteri.it/visti/pdf/domanda.pdf
2.documento di viaggio in corso di validità con scadenza superiore di almeno tre mesi a quella del visto richiesto (Passaporto)
3.fotografie recente
4.dichiarazione resa dal cittadino della U.E. o dello Spazio Economico Europeo, corredata da un suo documento di identità, con la quale richieda la presenza in Italia del familiare e che attesti il possesso dei requisiti previsti dalla legge.
5.atti di stato civile od idonea documentazione amministrativa che attesti il legame di parentela
6.in caso di figli minori, consenso al rilascio del visto sottoscritto dall’altro genitore
7.Dimostrazione di rimesse di danaro


Sono Cittadino Extracomunitario, per chi posso richiedere il Ricongiungimento Familiare?

I Cittadini Extracomunitari con regolare Permesso di Soggiorno o Carta di Soggiorno, possono richiedere il Ricongiungimento Familiare per i seguenti familiari:

2.Coniuge
3.Figli minori, anche del coniuge o nati fuori dal matrimonio, non coniugati a condizione che l' altro genitore, qualora esistente, abbia dato il suo consenso
4.Figli maggiorenni a carico qualora permanentemente non possano provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute
5.Genitori a carico che non dispongano di un adeguato sostegno familiare nel Paese di origine o di provenienza

Ai fini del ricongiungimento familiare si considerano minori i figli di età inferiore a diciotto anni al momento della presentazione dell' istanza di ricongiungimento. I minori adottati o affidati o sottoposti a tutela sono equiparati ai figli.


Che tipo di documentazione devo predisporre ?

1.formulario per la domanda del visto d'ingresso http://www.esteri.it/visti/pdf/domanda.pdf
2.documento di viaggio in corso di validità con scadenza superiore di almeno tre mesi a quella del visto richiesto (Passaporto)
3.fotografie recente
4.Nulla Osta emesso da non oltre 6 mesi dallo Sportello Unico competente
5.atti di stato civile che attestino il legame di parentela e, ove richiesto, idonea documentazione amministrativa che comprovi la condizione di familiare a carico, lo stato di salute o la mancanza di adeguato sostegno familiare.
6.in caso di figli minori, consenso al rilascio del visto sottoscritto dall’altro genitore


Dove devo richiedere il Nulla Osta ?

Il Nulla Osta deve essere presentato presso lo Sportello Unico per l' Immigrazione istituito presso la Prefettura della tua Provincia di residenza.

Quali documenti devo presentare per richiedere il Nulla Osta ?

Dal 10 Aprile 2008, le domande per il Nulla Osta al ricongiungimento Familiare vanno presentate solo ed esclusivamente per via telematica. Tutte le domande presentate in forma cartacea non saranno prese in considerazione.

E' necessario iscriversi sul sito del Ministeto degli Interni e scaricare il programma e la modulistica.

http://www.interno.it/mininterno/site/i ... index.html

Una volta che avrai spedito il modello, sarai contattato dallo Sportello Unico e ti verrà fissato un appuntamento al quale dovrai portare i seguenti documenti:

1.Marca da Bollo da €. 14,62
2.certificato attestante che l’alloggio rientra nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale, con espressa l’idoneità alloggiativa o certificato di idoneità igienico-sanitaria (originale più fotocopia) (questo certificato deve essere richiesto dallo straniero presso l’Ufficio Tecnico del Municipio competente per residenza o presso la Asl di appartenenza);
3.Copia del Permesso di Soggiorno o Carta di Soggiorno;
4. Copia del passaporto della persona di cui si chiede il ricongiungimento;
5.se il richiedente è ospite, deve allegare dichiarazione redatta dal titolare dell’appartamento su mod. “T2”, attestante il consenso ad ospitare anche i ricongiunti


Mod. T 2
(Scrivere a macchina o stampatello)

ALLO SPORTELLO UNICO PER L’IMMIGRAZIONE
DI ____________________________________

AUTOCERTIFICAZIONE

Il / la sottoscritto / a (cognome)
(nome)

nato/a a il

residente a in Via



AMMONITO /A SECONDO QUANTO PRESCRITTO DALL’ART. 76 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 NR. 445, SULLA RESPONSABILITA’ PENALE CUI PUO’ ANDARE IN CASO DI DICHIARAZIONI MENDACI, E RESO EDOTTO / A CHE I DATI VERRANNO UTILIZZATI AI SENSI DELLA’ART. 78 COMMA 2 D.P.R. 28 DICEMBRE 2000;

D I C H I A R A

DI DARE IL PROPRIO CONSENSO A CHE I FAMILIARI RICONGIUNTI DEL SIG. _________________________________________________

ALLOGGINO PRESSO IL PROPRIO DOMICILIO.
Firma
Data



N.B.: Allegare fotocopia documento d’identità firmato dal dichiarante, in corso di validità.


5.in caso di ricongiungimento a favore di un solo minore di anni 14, il certificato comunale può essere sostituito:

- da una dichiarazione di ospitalità del titolare dell’appartamento su mod. “S1” (originale e fotocopia),


Mod. S 1
(Scrivere a macchina o stampatello)

ALLO SPORTELLO UNICO PER L’IMMIGRAZIONE
DI ____________________________________

AUTOCERTIFICAZIONE

Il / la sottoscritto / a (cognome)
(nome)

nato/a a il

residente a in Via



AMMONITO /A SECONDO QUANTO PRESCRITTO DALL’ART. 76 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 NR. 445, SULLA RESPONSABILITA’ PENALE CUI PUO’ ANDARE IN CASO DI DICHIARAZIONI MENDACI, E RESO EDOTTO / A CHE I DATI VERRANNO UTILIZZATI AI SENSI DELLA’ART. 78 COMMA 2 D.P.R. 28 DICEMBRE 2000;

D I C H I A R A

DI DARE IL PROPRIO CONSENSO A CHE IL MINORE ALLOGGI PRESSO IL PROPRIO DOMICILIO.

Firma
Data

N.B.: Allegare fotocopia documento d’identità firmato dal dichiarante, in corso di validità.


- da copia del contratto di locazione/comodato/proprietà di durata non inferiore a sei mesi a decorrere dalla data di presentazione della domanda (duplice copia).


Per il reddito:

Lavoratori dipendenti: ultima dichiarazione dei redditi, Comunicazione all’Ispettorato del Lavoro o INPS, ultima busta paga o fotocopia autenticata del libro paga, autocertificazione del datore di lavoro, redatta su modello “S2”, da cui risulti l’attuale rapporto di lavoro (duplice copia di ciascun documento).
- Se il rapporto di lavoro è iniziato da meno di un anno, per cui il lavoratore non è in possesso della dichiarazione dei redditi, l’autocertificazione del datore di lavoro dovrà contenere anche l’indicazione del reddito presunto del lavoratore.
Lavoratori domestici: ultima dichiarazione dei redditi (ove posseduta), (o, in assenza, comunicazione di assunzione al Centro per l’Impiego/INPS), bollettino di versamento dei contributi INPS relativi al trimestre precedente alla data di presentazione della domanda, autocertificazione del datore di lavoro, redatta su modello “S2”, da cui risulta l’attuale rapporto di lavoro.
Lavoratori autonomi:
o Ditta individuale – Certificato di Iscrizione alla Camera di Commercio, Fotocopia attribuzione P. IVA, fotocopia licenza comunale ove prevista, mod. Unico più ricevuta di presentazione (se l’attività è stata avviata da più di un anno) o una relazione contabile redatta dal commercialista relativa all’intero periodo lavorativo (se l’attività è stata avviata da meno di un anno).
o Società –Visura camerale della società di data recente, fotocopia attribuzione Partita IVA della società, mod. Unico più ricevuta di presentazione (se l’attività è stata avviata da più di un anno) o una relazione contabile redatta dal commercialista relativa all’intero periodo lavorativo (se l’attività è stata avviata da meno di un anno).
o Collaborazione a progetto – fotocopia contratto di lavoro a progetto nel quale siano indicati la durata della prestazione di lavoro ed il corrispettivo, dichiarazione del committente da cui risulti l’attualità del contratto di lavoro a progetto, dichiarazione di gestione separata all’INPS, fotocopia modello “Unico”
o Socio lavoratore – Visura camerale della cooperativa, fotocopia attribuzione partita IVA della cooperativa, dichiarazione del presidente della cooperativa da cui risulta l’attualità del rapporto di lavoro, fotocopia del libro soci, mod. unico.
o Liberi professionisti – iscrizione all’albo, mod. unico con ricevuta di presentazione.

In caso di reddito congiunto con il familiare convivente, il richiedente dovrà presentare anche la sopra specificata documentazione relativa al reddito del familiare stesso.

NOTA BENE: ai fini della determinazione del reddito si deve tener conto anche di eventuali familiari a carico precedentemente ricongiunti e di figli nati in Italia già inseriti sul permesso di
soggiorno.
Per il ricongiungimento di due o più figli di età inferiore agli anni quattordici è richiesto, in ogni caso, un reddito minimo non inferiore al doppio dell’importo annuo dell’assegno sociale.
Per il 2007, per il ricongiungimento di un solo familiare, il reddito annuo lordo già percepito o presunto, derivante da fonti lecite, non deve essere inferiore ad Euro 5.061,68 – per due o tre familiari Euro 10.123,36 – per quattro o più familiari Euro 15.185,04 (i parametri di reddito sono suscettibili di aggiornamento).


Lo Sportello Unico per l' Immigrazione entro 90 giorni rilascia il Nulla Osta o il diniego.


Cosa devo fare per la parte Cubana ?

Per la parte Cubana è necessaria la carta d' invito.
Essendo un ricongiungimento, l'invito viene fatto verso un parente, quindi basta presentarsi presso il Consolato Cubano e richiedere la lettera d' invito, costo €. 175,00.

Infatti, l' atto notorio legalizzato dal notaio non è necessario qualora l' invito sia fatto tra parenti entro il 2° grado (genitori, nonni, figli, nipoti, fratelli).

Qualora il ricongiungimento venga fatto da cittadino Italiano, per esempio verso i suoceri non essendoci parentela è obbligatorio l' atto notorio autenticato dal notaio, però la carta d' invito può essere fatta dal parente del cittadino cubano.
Non necessariamente deve essere la stessa persona che invita per la parte Italiana.

Quale è la procedura più semplice e meno onerosa per il Ricongiungimento Familiare?

Senza ombra di dubbio, per la parte Italiana conviene che il cittadino Italiano richieda il Ricongiungimento con i genitori o con i figli del coniuge in modo da evitare il Nulla Osta.
Per la parte Cubana, conviene che il coniuge cubano richieda la lettera d' invito, evitando l' atto notorio e il notaio.


Dopo aver ottenuto il Visto da parte del Consolato Italiano, cosa deve fare la persona Cubana?

Innanzitutto deve sapere che per la parte Cubana, richiede il permesso turistico e non il ricongiungimento, altrimenti gli verrebbe rilasciato il P.S.I. (Permisos de Salidas Indefinidas) il che comporta la perdita dei diritti cubani.

Dovrà andare in Immigrazione e chiedere il P.V.E. (Permiso de Viaje al Exterior).
Per ottenerlo dovrà comprare la cosiddetta “carta blanca” non è altro che un bollo di 150,00 cuc. acquistabile presso qualsiasi banca Cubana.


Quanto tempo passa dall' intervista alla partenza per l' Italia ?

Dipende molto dall' ufficio Immigrazione Cubana, diciamo che per stare tranquilli dobbiamo considerare circa 1 mese.
Non è escluso però che possa impiegare meno tempo.


Quando la persona invitata arriva in Italia, cosa dobbiamo fare?

Entro 3 mesi dall' ingresso in Italia si deve richiedere la carta di soggiorno in questura ai sensi dlgs30/2007 per i familiari di cittadino UE.
Per i ric.fam. tra soli cubani va chiesto il permesso di soggiorno entro 8 giorni.
La richiesta va presentata allo Sportello Unico per l' Immigrazione se è stato richiesto il Nulla Osta.

Devo fare altro ?

Va fatta la "dichiarazione d'ospitalitá" entro 48 ore dall'arrivo.

Dato che la persona Cubana risiederà per più di 1 mese presso la tua abitazione, dovrai inviare alle autorità di Pubblica Sicurezza il modello di “cessione del fabbricato” che dichiara la presenza presso la tua abitazione di una persona straniera.

http://www.poliziadistato.it/pds/cittad ... ricato.pdf


A chi la devo spedire la “cessione di fabbricato” ?

Se risiedi in città, la devi spedire alla Questura, altrimenti dovrai mandare entrambe le copie alla Polizia Municipale del tuo Comune e loro invieranno 1 copia alla Questura.
Ricordati che hai tempo 48 ore e soprattutto se la invii per posta inviala sempre con raccomandata e ricevuta di ritorno.


Non ci sono altri adempimenti ?

Si.
Una volta presentata la richiesta del Permesso di Soggiorno, si dovrà richiedere la residenza, il codice fiscale e l' iscrizione sanitaria.
A differenza di qualche mese fa, oggi è possibile richiedere questi documenti con la semplice ricevuta delle poste attestante l' invio della richiesta del Permesso di Soggiorno.

Una volta residente in Italia, quali obblighi vi sono ?

Con la CDS,sensi dlgs.30/2007,non si puó stare fuori dalla zona Schengen per piú di 6 mesi.Pena,perdita del titolo di soggiorno.

Il cittadino extracomunitario che ha ottenuto un Permesso di Soggiorno di validità di 1 anno, non può restare fuori dall' Italia per un tempo maggiore alla metà rispetto alla validità del suo Permesso di Soggiorno (6 mesi).
Per coloro che hanno un Permesso di Soggiorno di validità 2 o più anni, non possono rimanere fuori dall' Italia per più di 1 anno.

Se si rimane fuori dall' Italia anche 1 solo giorno in più rispetto a quanto prescritto, non verrà rinnovato il Permesso di Soggiorno e quindi si dovrà rientrare nel paese di origine.


Per la parte Cubana, si perdono i diritti?

Assolutamente no.
Un Cubano può avere residenza in Italia e per Cuba risultare turista, l' importante è rientrare a Cuba prima degli 11 mesi e pagare le proroghe di €. 40,00 mensili.
Se non si vuole rientrare a Cuba negli 11 mesi, si deve richiedere il P.R.E. (Permisos de Residencia en el Exterior)
Avatar utente
cherido
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1529
Iscritto il: 06/10/2006, 17:46
Località: Torrita di Siena

Messaggioda mulata1977 » 08/04/2008, 18:23

INFORMACION PARA SOLICITUD DE VISADO POR REUNIFICACION FAMILIAR.

SE OTORGA SOLO UNA VEZ.

EL OBJETIVO DE ESTE VISADO ES OBTENER EL PERMISO DE RESIDENCIA (PERMESSO DI SOGGIORNO) QUE LES PERMITIRA' ENTRAR Y SALIR DE ITALIA SIN NECESIDAD DE PEDIR NUEVAMENTE OTRA VISA, DE LO CONTRARIO SE SUGIERE SOLICITAR VISA TURISTICA



ATENCIÓN:

A PARTIR DEL 1RO DE FEBRERO DE 2008 TODA LA DOCUMENTACION REQUERIDA DEBERA SER PRESENTADA AL MOMENTO DE LA ENTREVISTA. LA FALTA DE AL MENOS UN DOCUMENTO, OMISIONES O ERRORES, CONLLEVARA A LA INMEDIATA NEGACION DE LA VISA A CAUSA DE DOCUMENTACION INCOMPLETA.

EL PAGO DE LA VISA DEBERA SER EFECTUADO (EN EURO 75.00) AL MOMENTO DE LA ENTREGA DE LA DOCUMENTACION, CONJUNTAMENTE AL PASAPORTE, SIN QUE ESO ASEGURE EL OTORGAMIENTO DE LA VISA.

DOCUMENTOS ENVIADOS POR FAX O CORREO DIRECTAMENTE A NUESTRA OFICINA NO SERAN TOMADOS EN CONSIDERACION.



En caso de solicitud hecha por un ciudadano ITALIANO a: -Hijos menores del propio cónyuge; - Suegros y familiares del ciudadano italiano hasta el 4to grado de consanguinidad, que estén completamente a su cargo económico :



LA DOCUMENTACION REQUERIDA (SIEMPRE EN ORIGINAL + FOTOCOPIA) CONSISTE EN:



1. Una foto carnet;

2. Modelo de declaración para solicitar la reunificación familiar con menos de 90 dias de compilada, (ver modulística);

3. Pasaporte del ciudadano cubano, con validez de al menos un año y 3 meses;

4. Pasaporte del ciudadano italiano, páginas con datos anagráficos y firma del titular;

5. Certificados de Estado Civil cubanos que demuestren la relación de familia, debidamente legalizados en el MINREX, con no mas de 90 dias de emitido;

6. Certificados de Residencia y Familia, del ciudadano italiano que solicite la Reunificación Familiar, expedido con fecha actual (menor de 90 dias);

7. Para hijos menores del conyuge cubano,consentimiento del otro progenitor a la salida definitiva del Pais, legalizado al MINREX, con no mas de 90 dias de emitido,el menor debe ser acompañado de uno de los padres. En caso de no ser posible, presentarse con una persona mayor con un Poder Especial legalizado en el MINREX, con no mas de 90 dias de emitido;

8. Para parientes mayores de edad, demostración del mantenimiento económico desde un mínimo de 12 meses con declaraciòn sustitutiva de acto notorio, adjuntando los recibos emitidos por BANCOS ITALIANOS.

9. Demostración que no trabajan en CUBA.

- Si trabajaban desde hace menos de 5 años: Modelo SNC-25 o chequera,

- Si nunca han trabajado o no lo hacen desde hace más de 5 años: declaración jurada hecha ante un notario y legalizada al MINREX.



En caso de solicitud hecha por un ciudadano ITALIANO a: - Cónyuge no legalmente separado;



LA DOCUMENTACION REQUERIDA (SIEMPRE EN ORIGINAL + FOTOCOPIA) CONSISTE EN:



1. Una foto carnet;

2. Modelo de declaración para solicitar la reunificación familiar con menos de 90 dias de compilada, (ver modulística);

3. Pasaporte del ciudadano cubano, con validez de al menos un año y 3 meses;

4. Pasaporte del ciudadano italiano, páginas con datos anagráficos y firma del titular;

5. Fotocopia del certificado de matrimonio con cuño que demuestre que el original ya fue depositado en la oficina consular para uso trascripcion, o certificado de matrimonio emitido por el Comune italiano de residencia con fecha reciente.

6. En caso de visa por matrimonio, si el mismo fue por poder, la declaración en original a presentar debe estar previamente firmada ante un funcionario público en Italia.



En caso de solicitud hecha por un ciudadano CUBANO debe dirigirse al SUI (Sportello Unico per l'Immigrazione) de su ciudad de residencia, para la obtenciòn del NULLA OSTA en favor de su familiar, el cual lo entregarà en ORIGINAL en la Embajada, conjuntamente con la fotocopia de su pasaporte, el dia de la solicitud de la visa.
Tu eres mas rollo que pelicula.

Immagine
Avatar utente
mulata1977
Utente
Utente
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 02/10/2006, 2:13
Località: Santiago-Italia

Re: F.A.Q. Ricongiungimento Familiare

Messaggioda viernes » 18/08/2008, 22:17

cherido ha scritto:2.certificato attestante che l’alloggio rientra nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale, con espressa l’idoneità alloggiativa o certificato di idoneità igienico-sanitaria (originale più fotocopia) (questo certificato deve essere richiesto dallo straniero presso l’Ufficio Tecnico del Municipio competente per residenza o presso la Asl di appartenenza);

5.in caso di ricongiungimento a favore di un solo minore di anni 14, il certificato comunale può essere sostituito:

- da una dichiarazione di ospitalità del titolare dell’appartamento su mod. “S1” (originale e fotocopia),


Vediamo se ho capito bene... per ottenere il nulla osta serve O il certificato di conformità dell'alloggio O il certificato di idoneità sanitaria, giusto?
Però se ho capito altrettanto bene, se trattasi di ricongiumento con minore di anni 14, il primo dei 2 certificati può essere sostituito con un'autocertificazione su modello S1, corretto?
Se ho ben interpretatato, per me sarebbe un grosso risparmio di tempo e denaro, visto che qui in sto periodo non si capisce chi la dorme più grossa fra comune e ASL...
viernes
Utente
Utente
 
Messaggi: 435
Iscritto il: 12/04/2007, 18:03

Re: F.A.Q. Ricongiungimento Familiare

Messaggioda giumiro » 19/08/2008, 11:00

viernes ha scritto:
cherido ha scritto:2.certificato attestante che l’alloggio rientra nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale, con espressa l’idoneità alloggiativa o certificato di idoneità igienico-sanitaria (originale più fotocopia) (questo certificato deve essere richiesto dallo straniero presso l’Ufficio Tecnico del Municipio competente per residenza o presso la Asl di appartenenza);

5.in caso di ricongiungimento a favore di un solo minore di anni 14, il certificato comunale può essere sostituito:

- da una dichiarazione di ospitalità del titolare dell’appartamento su mod. “S1” (originale e fotocopia),


Vediamo se ho capito bene... per ottenere il nulla osta serve O il certificato di conformità dell'alloggio O il certificato di idoneità sanitaria, giusto?
Però se ho capito altrettanto bene, se trattasi di ricongiumento con minore di anni 14, il primo dei 2 certificati può essere sostituito con un'autocertificazione su modello S1, corretto?
Se ho ben interpretatato, per me sarebbe un grosso risparmio di tempo e denaro, visto che qui in sto periodo non si capisce chi la dorme più grossa fra comune e ASL...


no....se hai l'abitabilità vai in comune e fai richiesta di conformità dell'alloggio...porti una planimetria e dopo una 15 di gg vai a ritirare la conformità....a me hanno spiegato che alla asl devi andare se non hai l'abitabilità della casa...e nn è sostitutiva della certificazione che ti rilascia il comune.....dunque vai solo in comune

per l'autocertificazione nn ti so dire ..........aspettiamo cmq il parere di cherido....che è un luminare in materia
no es facil!
Avatar utente
giumiro
Utente
Utente
 
Messaggi: 1081
Iscritto il: 26/10/2006, 9:31

Re: F.A.Q. Ricongiungimento Familiare

Messaggioda viernes » 19/08/2008, 11:06

giumiro ha scritto:no....se hai l'abitabilità vai in comune e fai richiesta di conformità dell'alloggio...porti una planimetria e dopo una 15 di gg vai a ritirare la conformità....


il mio comune non rilascia tale certificato

a me hanno spiegato che alla asl devi andare se non hai l'abitabilità della casa...e nn è sostitutiva della certificazione che ti rilascia il comune.....


Invece tutto fa pensare che sia sostitutiva, o l'una o l'altra (come leggo anche dalle FAQ del grande cherido, e come riportato anche sui siti di alcuni comuni)... difatti completando la domanda di nulla osta, se inserisco solo i dati dell'una o dell'altra non mi segnala errori e mi da la pratica come pronta per l'invio.
Se invece ometto entrambi i certificati, alla sì che il software si blocca e mi segnala l'errore...

per l'autocertificazione nn ti so dire ..........aspettiamo cmq il parere di cherido....che è un luminare in materia


concordo :smt023
tu quando hai richiesto il nulla osta, prima di Aprile 2008?
viernes
Utente
Utente
 
Messaggi: 435
Iscritto il: 12/04/2007, 18:03

Re: F.A.Q. Ricongiungimento Familiare

Messaggioda giumiro » 19/08/2008, 11:26

viernes ha scritto:
giumiro ha scritto:no....se hai l'abitabilità vai in comune e fai richiesta di conformità dell'alloggio...porti una planimetria e dopo una 15 di gg vai a ritirare la conformità....


il mio comune non rilascia tale certificato

a me hanno spiegato che alla asl devi andare se non hai l'abitabilità della casa...e nn è sostitutiva della certificazione che ti rilascia il comune.....


Invece tutto fa pensare che sia sostitutiva, o l'una o l'altra (come leggo anche dalle FAQ del grande cherido, e come riportato anche sui siti di alcuni comuni)... difatti completando la domanda di nulla osta, se inserisco solo i dati dell'una o dell'altra non mi segnala errori e mi da la pratica come pronta per l'invio.
Se invece ometto entrambi i certificati, alla sì che il software si blocca e mi segnala l'errore...

per l'autocertificazione nn ti so dire ..........aspettiamo cmq il parere di cherido....che è un luminare in materia


concordo :smt023
tu quando hai richiesto il nulla osta, prima di Aprile 2008?


ti dico così perchè ho fatto le procedure per l'arrivo in ricongiungimento di mia cognata....la moglie di mio cognato...e lavorando alla asl avrei risparmiato tempo...ma quando ho chiesto al comune mi hanno detto così....puo essere che nn sapeva nulla l'impiegato booo......strano che il tuo comune non faccia questo certificato....magari lo ha delegato alla asl....forse per questo...cmq devi avere il certificato attestante che l’alloggio rientra nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale...che sia rilasciato dal comune o dalla ASL penso nn abbia importanza....se poi puoi fare l'autodichiarazione meglio.....una pratica in meno....
no es facil!
Avatar utente
giumiro
Utente
Utente
 
Messaggi: 1081
Iscritto il: 26/10/2006, 9:31

Messaggioda cherido » 19/08/2008, 12:23

L' idoneità alloggiativa è un documento che viene rilasciato dall' Ufficio Tecnico del Comune a seguito di parere della ASL e serve a stabilire quante persone possono abitare in quella determinata abitazione, secondo i parametri stabiliti da una Legge Regionale.

Questo documento non può essere sostituito da autocertificazione in quanto è difficile per un non tecnico poter stabilire quante persone possono abitarvi in rapporto alla superficie della casa.

Per richiedere questo documento è sufficiente andare presso l' Ufficio tecnico del Comune e richiedere il certificato di Idoneità alloggiativa.
L' Ufficio Tecnico non farà altro che inoltrare la richiesta alla ASL la quale effettuerà un sopralluogo per misurare la casa e verificare che tutte le stanze abitabili abbiano le finestre in superficie giusta in rapporto alla superficie della stanza, che le finestre siano posizionate ad almeno 90 cm. da terra e che tutte le stanze rispettino le misure minime (camera matrimoniale mq. 14,00 - cameretta singola mq. 9,00 - soggiorno mq. 14,00 - ecc...)

Una volta che la ASL ha effettuato il sopralluogo, invierà all' Ufficio Tecnico del Comune la sua valutazione, indicando quanti mq. è la casa e quante persone possono abitarvi. L' Ufficio Tecnico invierà al richiedente detto certificato. In Toscana funziona così

La dichiarazione di cui al punto S1, serve solo per acconsentire che una persona minore extracomunitaria possa risiedere presso la propria abitazione.

Il certificato di abitabilità è un' altra cosa, in quanto questo certificato serve a dire che la casa è stata costruita bene secondo il progetto, che gli impianti sono stati costruiti secondo al normativa e che le murature sono asciutte, quindi la casa è abitabile.

Ciò non vuol dire che si possa ottenere l' idoneità abitativa o meglio, l' idoneità abitativa si ottiene sempre ma non è detto che possa servire per un ricongiungimento.
Per esempio:
Un Italiano è sposato con un extracomunitaria e vivono in un appartamento di 38,00 mq.
Per la Regione Toscana, 38,00 mq. è la superficie minima per abitare in 2 persone, quindi la casa è abitabile, ha idoneità alloggiativa per 2 persone, ciò significa che se si intende fare il ricongiungimento con il figlio del coniuge, la domanda non può essere accolta perchè la casa può ospitare solo 2 persone e non 3.

Ciò vale anche se la casa è di 50,00 mq. e magari risiedono già 3 persone e così via.

Mi sembra molto strano che un Comune non rilasci questo cerificato, magari puoi chiedere direttamente alla ASL.

Spero di essere stato abbastanza chiaro...
" Quando si sogna da soli è un sogno, quando si sogna in due comincia la realtà " il CHE
Avatar utente
cherido
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1529
Iscritto il: 06/10/2006, 17:46
Località: Torrita di Siena

Messaggioda viernes » 19/08/2008, 12:57

cherido ha scritto:Questo documento non può essere sostituito da autocertificazione in quanto è difficile per un non tecnico poter stabilire quante persone possono abitarvi in rapporto alla superficie della casa.


Cherido queso è il punto contrastato che continua a non essermi chiaro, perchè anche sul sito del ministero dell'interno sta scritto
http://www.interno.it/mininterno/export ... mento.html

cherido ha scritto:5.in caso di ricongiungimento a favore di un solo minore di anni 14, il certificato comunale può essere sostituito:

- da una dichiarazione di ospitalità del titolare dell’appartamento su mod. “S1” (originale e fotocopia),


o il certificato comunale che si intende è un altro (quale???) oppure c'è qualcosa di errato in una delle due affermazioni...

Comunque vi riconfermo che l'ufficio tecnico del mio comune, a cui mi sono rivolto, non rilascia quel certificato, e mi ha detto di rivolgermi all'ASL per quello dell'idoneità igienico sanitaria... che a sua volta per esser ottenuto richiede di un soprallugo da parte di elettricista e idraulico per il rilascio di apposita attestazione di idoneità (termica-elettrica-gas )dell'alloggio.
viernes
Utente
Utente
 
Messaggi: 435
Iscritto il: 12/04/2007, 18:03

Messaggioda cherido » 19/08/2008, 14:37

viernes ha scritto:
cherido ha scritto:Questo documento non può essere sostituito da autocertificazione in quanto è difficile per un non tecnico poter stabilire quante persone possono abitarvi in rapporto alla superficie della casa.


Cherido queso è il punto contrastato che continua a non essermi chiaro, perchè anche sul sito del ministero dell'interno sta scritto
http://www.interno.it/mininterno/export ... mento.html

cherido ha scritto:5.in caso di ricongiungimento a favore di un solo minore di anni 14, il certificato comunale può essere sostituito:

- da una dichiarazione di ospitalità del titolare dell’appartamento su mod. “S1” (originale e fotocopia),


o il certificato comunale che si intende è un altro (quale???) oppure c'è qualcosa di errato in una delle due affermazioni...

Comunque vi riconfermo che l'ufficio tecnico del mio comune, a cui mi sono rivolto, non rilascia quel certificato, e mi ha detto di rivolgermi all'ASL per quello dell'idoneità igienico sanitaria... che a sua volta per esser ottenuto richiede di un soprallugo da parte di elettricista e idraulico per il rilascio di apposita attestazione di idoneità (termica-elettrica-gas )dell'alloggio.


Scusa, ma non avevamo mai parlato di minore di 14 anni.

Se non ho capito male, tua moglie sta chiedendo il ricongiugnimento per suo figlio, quindi lei risulta "ospite" in quanto la casa è la tua, giusto ?

Se è così, è sufficiente una tua dichiarazione secondo il mod. T2 in cui dai il consenso ad ospitare suo figlio e la dichiarazione secondo il mod. S1 come dichiarazione di ospitalità.

Comunque, il certificato di idoneità igienico sanitaria è differente dal certificato di idoneità alloggiativa.

Il primo serve se non hai l' abitabilità della casa e poco importa per un ricongiungimento, mentre il secondo serve a dire quanti mq. è la casa e da quante persone può essere abitata.

Per curiosità, tu in quale Comune risiedi ?
" Quando si sogna da soli è un sogno, quando si sogna in due comincia la realtà " il CHE
Avatar utente
cherido
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 1529
Iscritto il: 06/10/2006, 17:46
Località: Torrita di Siena

Messaggioda viernes » 19/08/2008, 16:02

cherido ha scritto:
Scusa, ma non avevamo mai parlato di minore di 14 anni.


l'avevo scritto nel primo intervento di questa discussione, poi non l'ho più ripetuto perchè lo davo per assunto...

Se non ho capito male, tua moglie sta chiedendo il ricongiugnimento per suo figlio, quindi lei risulta "ospite" in quanto la casa è la tua, giusto ?


più o meno... la casa non è mia ma dei miei genitori, ma cambia poco o nulla... perciò la dichiarazione dovrà farla uno dei miei genitori

Se è così, è sufficiente una tua dichiarazione secondo il mod. T2 in cui dai il consenso ad ospitare suo figlio e la dichiarazione secondo il mod. S1 come dichiarazione di ospitalità.


ottimo! grazie, era questa la conferma che volevo avere! :smt023

Comunque, il certificato di idoneità igienico sanitaria è differente dal certificato di idoneità alloggiativa.

Il primo serve se non hai l' abitabilità della casa e poco importa per un ricongiungimento, mentre il secondo serve a dire quanti mq. è la casa e da quante persone può essere abitata.


certo, non ho mai sostenuto il contrario... siccome basta o l'uno o l'altro, e che il primo pareva sostituibile dal modulo S1 che non mi pare altro che un'autocertificazione, ho voluto chiedere conferma a voi più esperti di me... stasera pertanto inoltro la richiesta di nulla osta dal sw dello sportello unico, non devo aspettare di ottener alcun certificato!

Per curiosità, tu in quale Comune risiedi ?


Marnate (VA)
viernes
Utente
Utente
 
Messaggi: 435
Iscritto il: 12/04/2007, 18:03

Prossimo

Torna a Burocrazia italiana e cubana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti