L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....CUBA

Di tutto un po' su Cuba

Moderatori: bambolino, mircocubano

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda Guajiro. » 20/08/2018, 20:13

Il Venezuela svaluta il bolívar del 95% e lo aggancia al Petro

Immagine

CARACAS 20 agosto 2018
Parte oggi l’ultima riforma economica del Venezuela, che vedrà la riconversione monetaria del bolívar forte nel neonato bolívar sovrano.

Quest’ultimo sarà ancorato alla criptovaluta nazionale, il Petro, che a sua volta è garantito dalle riserve petrolifere del paese, secondo un rapporto di un token per ogni barile. La criptovaluta verrà utilizzata come unità di conto e per pagare stipendi e servizi.

Secondo il presidente Nicolás Maduro 1 Petro costerà 60 $, ovvero 3.600 nuovi bolívar (circa 360 milioni di vecchi bolívar). Ciò implica un nuovo tasso di cambio di 6 milioni di bolívar per dollaro, in linea con il mercato nero, e una svalutazione del 95% rispetto all’attuale tasso ufficiale DICOM di 248.832 bolívar per dollaro.

Il rialzo dell’Iva dal 12% al 16% e l’aumento di 35 volte del salario minimo (adesso pari 30 $ al mese) sono le altre due misure principali della riforma di Maduro.

#-o :smt021 :smt021
¡¡¡¡ A Cuba todo es posible ...... nada está seguro !!!!
Avatar utente
Guajiro.
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 7447
Iscritto il: 20/03/2012, 19:03

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 21/08/2018, 19:24

OGGI 21 AGOSTO 2018, MENTRE E' IN ATTO IN TUTTO IL VENEZUELA UNO SCIOPERO NAZIONALE CONTRO LE MISURE PRESE DAL REGIME CASTRO MARXISTA, IL PARLAMENTO E' RIUNITO IN UNA SESSIONE STAORDINARIA.



SIAMO COLLEGATI DAL VIVO.


CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 22/08/2018, 20:02

FORZA VENEZUELA: NON MOLLARE........

UNA NAZIONE RIDOTTA SUL LASTRICO DALLA POLITICA FALLIMENTARE DEL REGIME CASTRO CHAVISTA E DALLE SUE PROTERVIE E VIOLENZE, IERI 21 AGOSTO 2018 HA TREMATO PER UNA FORTE SCOSSA DI TERREMOTO DI MAGNITUDO 7,3 CON EPICENTRO A YAGUARAPANO A POCHI CHILOMETRI DA CARACAS.

LA GENTE SI E' RIVERSATA NELLE STRADE, SCAPPANDO DAGLI UFFICI, DAI NEGOZI E DALLE ABITAZIONI CHE HANNO SUBITO DELLE FORTI SCOSSE DURATE QUALCHE MINUTO.

IL TERREMOTO E' STATO AVVERTITO ANCHE A TRINIDAD TOBAGO E IN COLOMBIA.




CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda carlo » 23/08/2018, 11:33

Petrolio, Venezuela: Cuba salva la nazione dai sequestri

Il Venezuela ha trovato il modo per evitare i sequestri dei beni petroliferi. Per ora…

La crisi delle esportazioni di Petrolio che il Venezuela sta affrontando ha indotto causato enormi problemi alla controllata statale PDVSA (Petroleos de Venezuela) ed alla nazione intera, ma per ora Caracas sembra avere la possibilità di limitare i danni sfruttando i trasferimenti di greggio STS (Ship to Ship). ossia spostando i carichi di Petrolio da vascello a vascello nella vicina Cuba, una modalità, questa, che consente a PDVSA di evitare, almeno per il momento, il sequestro dei beni.

Il Venezuela, tuttavia, sta adempiendo a meno del 50% degli obblighi di fornitura verso i clienti, con una produzione di Petrolio che si attesta ai livelli più contenuti dell’ultimo trentennio dopo che il collasso degli investimenti e la fuga in massa dei lavoratori da PDVSA hanno lasciato il paese privo del denaro necessario a finanziare il locale governo tartassato da una crisi economica che non concede tregua.

Ad aggravare la situazione sono le diatribe legali in essere, ed un esempio su tutti è quello della compagnia petrolifera americana ConocoPhillips che ha iniziato ad espropriare i beni della controllata statale venezuelana presenti nei Caraibi.

La catena di espropri ha privato PDVSA dell’accesso ad infrastrutture di fondamentale importanza come, ad esempio, la raffineria Isla a Curacao ed il terminal BOPEC a Bonaire, due siti che concorrono a sostenere quasi il 25% dell’export di Petrolio della società.

Immagine
La raffineria La Isla (Curacao)

A questo punto, per PDVSA, è diventato imperativo trovare un metodo efficace che consentisse alla società di inviare i carichi ai clienti senza incorrere nel rischio di sequestro dei beni a seguito dell’iniziativa legale di Conoco, e questo metodo è rappresentato proprio dai cosiddetti trasferimenti Ship to Ship (STS, ossia da nave a nave).

I problemi, tuttavia, non mancano di certo, e la situazione si mostra talmente tesa da indurre PDVSA a “ricattare” i propri clienti minacciando gli stessi dell’applicazione della clausola di forza maggiore alle forniture nel caso in cui non venisse accettata la modalità di trasferimento del carico suggerita dalla controllata statale venezuelana che, tra l’altro, ha anche chiesto ai suoi clienti di non inviare vascelli da caricare sino a quando non fossero stati smaltiti quelli già presenti sulla costa che sono causa di notevoli intasamenti nei terminal venezuelani.

In prima battuta i clienti di PDVSA si sono mostrati restii nell’accettare la modalità di trasferimento dei carichi proposta da PDVSA a causa dei costi elevati che questa comporta insieme all’obbligo di adempiere a norme di sicurezza estremamente restrittive ma, nonostante tutte queste complicazioni, PDVSA è riuscita ad esportare circa 1,3 milioni di barili giornalieri nel mese di luglio contro i 765000 barili giornalieri che hanno contraddistinto la prima metà di giugno. Il volume in oggetto è di certo ragguardevole, ma siamo appena al 59% dei 2,19 milioni di barili giornalieri che rappresentano il totale degli obblighi di fornitura della società.

I vascelli in attesa di essere caricati sono ancora molti e gli ultimi dati in arrivo a mercato parlano di 24 petroliere ferme nei terminal in attesa di imbarcare circa 22 milioni di barili di greggio e raffinati.

Tra le scelte di PDVSA troviamo anche quella di utilizzare una tratta commerciale che passa attraverso Cuba, anche se tale percorso è adibito ai soli prodotti raffinati ed esclude il greggio.

Nel dettaglio, lungo la tratta citata in precedenza è stato trasportato olio combustibile sfruttando un terminal presso il porto di Matanzas (l’olio combustibile del Venezuela viene utilizzato in alcuni paesi per la produzione di energia elettrica. Nei mesi di maggio e luglio due vascelli sono salpati dal terminal di Matanzas con un carico di circa 550000 barili di carburante venezuelano aventi Singapore come destinazione).

L’idea di PDVSA, in ogni caso, non rappresenta certo una novità nel panorama commerciale del Petrolio in quanto sia la controllata statale venezuelana che quella cubana (Cupet) hanno già utilizzato l’infrastruttura di Matanzas per stoccare greggio e combustibili, e solamente in rare occasioni si è assistito a spedizioni verso l’Oriente a causa dell’embargo commerciale imposto dagli USA a Cuba.
Avatar utente
carlo
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 6880
Iscritto il: 26/05/2011, 15:49
Località: perugia

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 23/08/2018, 18:59

carlo ha scritto:Petrolio, Venezuela: Cuba salva la nazione dai sequestri

Il Venezuela ha trovato il modo per evitare i sequestri dei beni petroliferi. Per ora…

Ad aggravare la situazione sono le diatribe legali in essere, ed un esempio su tutti è quello della compagnia petrolifera americana ConocoPhillips che ha iniziato ad espropriare i beni della controllata statale venezuelana presenti nei Caraibi.

La catena di espropri ha privato PDVSA dell’accesso ad infrastrutture di fondamentale importanza come, ad esempio, la raffineria Isla a Curacao ed il terminal BOPEC a Bonaire, due siti che concorrono a sostenere quasi il 25% dell’export di Petrolio della società.


Una situazione paradossale, che dimostra il fallimento completo del REGIME CASTRO CHAVISTA nella gestione della politica petrolifera Venezuelana.

Le maggiori Agenzie internazionali hanno battuto la notizia che il 21 agosto 2018 che e' stato firmato un accordo tra le PDVSA e la CONOCO PHILLIPS che prevede una TRANSAZIONE pari a 2.000.000.000,00 di dollari a favore della societa' statunitense.

Ma sentite un po come verra' effettuato: 500.000.000,00 di dollari entro 90 giorni e il resto con pagamenti rateali trimestrali che durera' 5 anni. Ulteriori dettagli dell' accordo sono RISERVATI.

In cambio la CONOCO sospendera' le azioni legali nelle Antille Olandesi: Curacao, Bonaire e Sint Eustatius.

PENSATE CHE CARACAS rispettera' i pagamenti.............................................

CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 26/08/2018, 19:52

I VENEZUELANI SCAPPANO DAL COMUNISMO.............



PENSATE CHE LA SINISTRA NOSTRANA PONE ANCORA DEI DUBBI, NEI SUOI ARTICOLI E NEI SUOI INTERVENTI SULLA VEDICITA' E SULLE DIMENSIONI DI QUESTA FUGA DI MASSA.

LA VERITA' E' CHE NON SA PIU' CHE COSA INVENTARE PER AIUTARE IL REGIME CASTRO CHAVISTA, ORMAI INDIFENDIBILE E CHE HA PERSO MOLTI " UTILI IDIOTI " DI MARXIANA MEMORIA, CHE AVEVANO CREDUTO IN UN SISTEMA ALTERNATIVO AL CAPITALISMO.

VI E' UN RISTORANTE AI CONFINI TRA LA COLOMBIA E L' EQUADOR, A RUMICHACA, DOVE SI FERMANO I MIGRANTI VENEZUELANI PER MANGIARE. NEI PRESSI DI QUESTO RISTORANTE VI E' UN MURO TAPPEZZATO DI BANCONOTE BOLIVARES ORMAI FUORI CORSO SULLE QUALI VI E' SCRITTO " MADURO, EL HUEVON - IDIOTA........................".


CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 30/08/2018, 9:32

I LAVORATORI DELLA NOSTRA AZIENDA PIRELLI A CARACAS, LUNEDI' 27 AGOSTO 2018 SI SONO PRESENTATI PUNTUALI ALL' INGRESSO E LO HANNO TROVATO CHIUSO DA UN GROSSO LUCCHETTO.

Immagine

( FOTO: SEDE STABILIMENTO PIRELLI A CARACAS ).

GLI E' STATO RISPOSTO CHE L' AZIENDA RIMANE CHIUSA PER MANCANZA DI MATERIE PRIME DA LAVORARE PER PRODURRE I FAMOSI PNEUMATICI.

MA E' TUTTO IL VENEZUELA CHE SOFFRE PER I FALLIMENTI DEL REGIME CASTRO CHAVISTA.

MA COME NICOLAS MADURO NON AVEVA DETTO DI AVERE SBAGLIATO TUTTO, IN UN DISCORSO DI POCHE SETTIMANE FA.....

ERRARE E' UNANO, PERSEVERARE E' DIABOLICO........

IL GOVERNO COMUNISTA E' DISPERATO: PENSATE CHE I VENEZUELANI HANNO GIA' RIBATTEZZATO LE MISURE ECONOMICHE E MONETARIE MARXISTE COME " EL PAQUETE DEL AMBRE...........................".

CINQUE MILIONI DI VENEZUELANI HANNO LASCIATO LA PATRIA E SONO FUGGITI NELLE NAZIONI CONFINANTI, CREANDO NOTEVOLI PROBLEMI DI ORDINE PUBBLICO.

MA PER I 27 MILIONI DI CITTADINI RIMASTI SI PROSPETTANO TEMPI DURISSIMI.

SONO COMINCIATI NUOVAMENTE GLI ESPROPRI DELLE AZIENDE DI RILEVANZA NAZIONALE.

STANNO CHIUDENDO 150.000 PICCOLE E MEDIE AZIENDE A CARACAS E NELLE PRINCIPALI CITTA' DEL VENEZUELA.

MILIONI DI LAVORATORI SONO STATI O VERRANNO LICENZIATI, E ORA SONO DISOCCUPATI SENZA UN REDDITO E L' IMPOSSIBILITA' DI MANTENERE LA PROPRIA FAMIGLIA.

I POCHI NEGOZI RIMASTI APERTI NON HANNO PIU' PRODOTTI DA VENDERE.

LE FARMACIE SONO SENZA MEDICINE.

GLI OSPEDALI NON CURANO PIU' I MALATI PER MANCANZA DI CURE E DI MACCHINARI E MOLTI VENGONO RIMANDATI A CASA CON GRAVI RISCHI PER LA PROPRIA SALUTE.

DI CONTRO VI E' LA NUMENCLATURA CHAVISTA CHE GODE DI TUTTO: POSSIBILITA' CARRIERE, OTTIMA ABITAZIONE, BUON STIPENDIO, FORNITURA ALIMENTI SELEZIONATI, E OSPEDALI SPECIALIZZATI, CHE HA FORNITO A NICOLAS MADURO UN CONSENSO CHE ORA SI STA DIMOSTRANDO FITTIZIO E NON DURATURO.


CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 30/08/2018, 20:36

CELESTE HENRY ha scritto:I VENEZUELANI SCAPPANO DAL COMUNISMO.............



VI E' UN RISTORANTE AI CONFINI TRA LA COLOMBIA E L' EQUADOR, A RUMICHACA, DOVE SI FERMANO I MIGRANTI VENEZUELANI PER MANGIARE. NEI PRESSI DI QUESTO RISTORANTE VI E' UN MURO TAPPEZZATO DI BANCONOTE BOLIVARES ORMAI FUORI CORSO SULLE QUALI VI E' SCRITTO " MADURO, EL HUEVON - IDIOTA........................".


CELESTE HENRY ::plane


IL REGIME CASTRO CHAVISTA E' DISPERATO.......

Immagine

PENSATE CHE NICOLAS MADURO, CON UNA FACCIA TOSTA MAI VISTA, HA CHIESTO AI VENEZUELANI CHE SONO EMIGRATI DI RITORNARE......

" TORNATE A VIVERE IN PATRIA E AD AMARE IL VENEZUELA"

IMMAGINO QUALE POSSA ESSERE LA RISPOSTA.......

" QUESTA NON E' IL VENEZUELA DOVE SIAMO NATI, DOVE SIAMO ARRIVATI E ABBIAMO VISTI REALIZZARSI I NOSTRI SOGNI.


CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 06/09/2018, 11:49

I VENEZUELANI SCAPPANO DAL COMUNISMO.............



UNDICI NAZIONI HANNO FIRMATO UN ACCORDO SU BASE VOLONTARIA PER OSPITARE I MIGRANTI VENEZUELANI IN FUGA DAL FALLIMENTARE REGIME CASTRO CHAVISTA:

ARGENTINA.
COLOMBIA.
CILE.
BRASILE.
EQUADOR.
PERU'.
COSTA RICA.
URUGUAY.
PARAGUAY.
MESSICO.
PANAMA.

PENSATE CHE LA SINISTRA NOSTRANA NON SAPENDO PIU' CHE COSA INVENTARE PER AIUTARE NICOLAS MADURO, ORMAI INDIFENDIBILE, PARLA E SCRIVE DI " CRISI MIGRATORIA ARTIFICIALE " CIOE' INDOTTA DA NAZIONI TERZE, DISPREZZANDO IL DRAMMA DEI VENEZUELANI CHE SCAPPANO PERCHE' HANNO PERSO TUTTO, MA NON LA LORO DIGNITA'.

VI E' UN RISTORANTE AI CONFINI TRA LA COLOMBIA E L' EQUADOR, A RUMICHACA, DOVE SI FERMANO I MIGRANTI VENEZUELANI PER MANGIARE. NEI PRESSI DI QUESTO RISTORANTE VI E' UN MURO TAPPEZZATO DI BANCONOTE BOLIVARES ORMAI FUORI CORSO SULLE QUALI VI E' SCRITTO " MADURO, EL HUEVON - IDIOTA........................".


CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

Re: L' AVV. HENRIQUE CAPRILES RADONSKI, IL VENEZUELA E.....C

Messaggioda CELESTE HENRY » 08/09/2018, 18:30

CELESTE HENRY ha scritto:I LAVORATORI DELLA NOSTRA AZIENDA PIRELLI A CARACAS, LUNEDI' 27 AGOSTO 2018 SI SONO PRESENTATI PUNTUALI ALL' INGRESSO E LO HANNO TROVATO CHIUSO DA UN GROSSO LUCCHETTO.

Immagine

( FOTO: SEDE STABILIMENTO PIRELLI A CARACAS ).

GLI E' STATO RISPOSTO CHE L' AZIENDA RIMANE CHIUSA PER MANCANZA DI MATERIE PRIME DA LAVORARE PER PRODURRE I FAMOSI PNEUMATICI.

HANNO GIA' CHIUSO O STANNO CHIUDENDO 150.000 PICCOLE E MEDIE AZIENDE A CARACAS E NELLE PRINCIPALI CITTA' DEL VENEZUELA.


CELESTE HENRY ::plane


FINALMENTE LA PIRELLI HA PRESO LA DECISIONE GIUSTA: HA VENDUTO TUTTE LE SUE ATTIVITA' IN VENEZUELA, AD UNA CORDATA DI IMPRENDITORI SUDAMERICANI GUIDATI DALLA SOMMERS INTERNATIONAL.

Immagine

( FOTO: SEDE PIRELLI A CARACAS ).

LO STESSO DOVREBBERO FARE, O HANNO GIA' FATTO TUTTE LE NOSTRE AZIENDE CHE OPERANO IN VENEZUELA.

RESISTE NONOSTANTE I MANCATI PAGAMENTI, O EFFETTUATI CON IL CONTAGOCCE, O IN CAMBIO DI PETROLIO, LA NOSTRA ENI, ANCHE PER NON LASCIARE LE POSIZIONI CHE SI E' CONQUISTATA IN DECENNI DI LAVORO DI ESTRAZIONE IN VENEZUELA.


CELESTE HENRY ::plane
Immagine

Cuba, una lacrima bagnata dal mare celeste e asciugata dalle bianche spiagge e dalla forza di chi crede ancora nell' amore e nel futuro.......
Avatar utente
CELESTE HENRY
Utente Senior
Utente Senior
 
Messaggi: 2970
Iscritto il: 18/01/2013, 13:38
Località: MILANO - PIAZZA SAN BABILA

PrecedenteProssimo

Torna a Tematiche generali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti