“Questo a Cuba non è possibile”

chismes y mucho mas...

“Questo a Cuba non è possibile”

Messaggioda cocoloco » 13/08/2012, 13:42

“Questo a Cuba non è possibile” di Nando dalla Chiesa


Cose da pazzi. Metti una sera a cena sullo Jonio e le cose più interessanti, mentre parli di progetti e movimenti civili, te le tira fuori una ragazza cubana capitata a tavola quasi per caso. Con sei parole, sgranando occhi grandissimi mentre discuti d’altro. Dyanorys è arrivata in Calabria qualche giorno fa, dopo un paio di settimane passate a Milano da un amico. È venuta a trovare un’amica cubana che in Italia si è trasferita per amore. È entusiasta del mare calabrese, delle infinite spiagge libere e dell’acqua che cambia colore a ogni ora come nel Racconto di un naufrago. Ama meno la sabbia, che è il vero oro di Cuba, quella grana sottilissima e morbida qua te la sogni. Da qualche anno Dyanorys Ramos abita a Londra, lavora nel ristorante del marito francese. L’italiano lo parla bene, l’ha studiato a Londra, ed è perfettamente in grado di inserirsi nelle conversazioni. Con modestia, perché sa le buone maniere. Ma anche con efficacia. Tra i commensali una certezza sulle due ragazze cubane c’è: non si tratta di attiviste o simpatizzanti del regime. Non sono castriste.

Meglio, non sono “fideliste”, per usare il loro linguaggio. Come non capirle, d’altronde? Sono la terza generazione. Te lo spiegano bene. I nonni adoravano Fidel, aveva dato ai connazionali la dignità, tirandoli fuori da un destino di casinò e bordello della potenza dirimpettaia. I genitori erano andati a ruota, educati al mito della rivoluzione, ma con minor trasporto, anche se il padre di Dyanorys, che distribuisce il pesce per i mercati dell’Avana, è un comunista che ci crede e andò due volte in Angola a combattere il colonialismo portoghese. Loro, i giovani, vogliono la libertà dei coetanei occidentali. I cellulari a lungo proibiti, Internet, un po’ di consumi in più, una televisione che non ti dica ogni santo giorno che il mondo è brutto e Cuba è bella, la possibilità di uscire con i giovani occidentali senza che la polizia ti chieda cosa stai facendo. Per questo la nostalgia di Cuba è nostalgia dei luoghi e degli affetti, della gente, ma la libertà europea è impagabile e per chi ha 24 anni come Dyanorys vale di più. “A Cuba ci torno se cambia”. Fin qui è tutto logico, tutto perfettamente compatibile con quel che pensi da anni di Cuba e di Fidel. La svolta, che si fa storia di incontri, arriva a metà cena. Basta un accenno alla vita londinese. “A Londra in questo momento puoi anche morire di fame e non c’è nessuno che ti aiuti”, dice Dyanorys.

Già, pensa ognuno, la crisi che getta nella disperazione le famiglie… “Ma questo a Cuba non succede”, ecco le sei parole, “questo a Cuba non è possibile”, spiega alzando la voce la ragazza. Gli occhi si sgranano sotto la montagna di capelli ricci neri, perfino il viso cioccolato sembra accendersi. “A Londra se non puoi pagare ti tagliano l’acqua dopo due mesi anche se hai dei bambini, non gliene importa nulla. Puoi pure morire. Ma a Cuba nessuno muore di fame”. Sembra propaganda, ma detto da lei è impossibile. Tacciono tutti, la parola è solo sua. “Noi abbiamo la libreta. Ogni famiglia tutti i mesi va in una specie di supermercato e riceve tutte le cose di cui ha bisogno per vivere. Il pane, lo zucchero, l’olio, il latte, le uova, il pollo, i fagioli, il riso, il pesce, la farina, i crackers, qualche volta le patate, il caffè. Paghi quasi nulla. Ogni famiglia ha la libreta. Senza distinzioni, l’unica differenza la fa il numero delle persone. Se hai più figli prendi di più. Poi mettono un segno per dire che tu quel mese hai preso quello che ti spettava. E il mese dopo lo riavrai con sicurezza. Certo, non è quello che ti puoi permettere qui, ma è sufficiente. È importante vivere senza disperazione”. Jani, l’amica, conferma. Una accanto all’altra sono le classiche belle ragazze cubane che ogni show televisivo prenderebbe di corsa (Dyanorys ha girato anche qualche spot da ballerina), ma ora non parlano il linguaggio delle vetrine e delle luci occidentali. È come se stesse venendo fuori da loro qualcosa d’altro e di più profondo. “Noi andiamo tutti a scuola, nessun bambino deve lasciare per lavorare. Io ho preso il diploma di disegnatore informatico e non ho mai pagato nulla. Pure l’università è gratis, anche se alla fine devi restituire i libri per chi viene dopo di te. E la medicina è ben organizzata. È vero che c’è il mercato nero, che certi consumi non te li puoi permettere, che i trasporti sono un disastro, che non possiamo comunicare via Skype. O che magari ti tolgono di colpo l’energia elettrica per ore per risparmiare. Però il nostro è un popolo che non ha paura della fame. Perché il necessario ti viene dato dallo Stato. E perché la nostra gente è speciale: siamo più uniti, ci aiutiamo, un piatto di cibo lo trovi sempre. Se hai bisogno il tuo vicino ti darà il pane, senza interesse”.

Resti di stucco, vai per le Indie e trovi le Americhe. Vuoi sapere che cosa accade in Calabria e scopri Cuba. Capisci quello che non ti dicono i discorsi dei dissidenti, che hai anche sostenuto con la tua firma.

Ma anche quello che non sanno dirti i fan dell’amicizia Italia-Cuba, con quel frequente retrogusto di nostalgie barri-cadere. Da una ragazza che ha cercato l’occidente e ha solo studiato a scuola la mitica rivoluzione, riscopri che ebbe un senso. Le crisi che devastano, e le parole che sbottano dal cuore, servono anche a questo.
cocoloco
dissidente
dissidente
 
Messaggi: 46365
Iscritto il: 30/09/2006, 3:26

Messaggioda flaquito » 13/08/2012, 16:19

una montagna di idizie superficiali ... io non ho voglia di rispondere punto per punto ma sicuramente il ragioniere lo farà visto che lo hai "chiamato" :-D :-D :-D
milan l'è un gran milan
Avatar utente
flaquito
Utente Esperto
Utente Esperto
 
Messaggi: 4067
Iscritto il: 28/05/2008, 18:09

Messaggioda cocoloco » 13/08/2012, 17:19

flaquito ha scritto:una montagna di idizie superficiali ... io non ho voglia di rispondere punto per punto


Q lastima! :cry: ....peró almeno due parole sul mare calabrese o i ristoranti inglesi avreti potuto spenderle :-D :-D
cocoloco
dissidente
dissidente
 
Messaggi: 46365
Iscritto il: 30/09/2006, 3:26

Messaggioda bambolino » 13/08/2012, 17:53

Dyanorys è meglio che torni a fre la ballerina 8)
Si no existieras yo te inventaría, mi ciudad de La Habana.
Avatar utente
bambolino
Postepay Express Courier
Postepay Express Courier
 
Messaggi: 13555
Iscritto il: 16/07/2008, 11:20
Località: La Habana

Messaggioda cocoloco » 13/08/2012, 18:06

bambolino ha scritto:Dyanorys è meglio che torni a fre la ballerina 8)


se mi dici dove hai visto i suoi spot magari mi associo al consiglio 8) :-D :-D
cocoloco
dissidente
dissidente
 
Messaggi: 46365
Iscritto il: 30/09/2006, 3:26

Re: “Questo a Cuba non è possibile”

Messaggioda ragioniere » 13/08/2012, 18:27

Da qualche anno Dyanorys Ramos abita a Londra, lavora nel ristorante del marito francese. Tra i commensali una certezza sulle due ragazze cubane c’è: non si tratta di attiviste o simpatizzanti del regime. Non sono castriste. Meglio, non sono “fideliste”, per usare il loro linguaggio. Come non capirle, d’altronde? Sono la terza generazione. Te lo spiegano bene. I nonni adoravano Fidel, aveva dato ai connazionali la dignità, tirandoli fuori da un destino di casinò e bordello della potenza dirimpettaia.

Premettendo che oggi il bordello a parer mio e piu grande, diventa impossibile fare un paragone su una politica del 59 a una del 2012,





I genitori erano andati a ruota, educati al mito della rivoluzione, ma con minor trasporto, anche se il padre di Dyanorys, che distribuisce il pesce per i mercati dell’Avana,

azz piu o meno faceva lo stesso lavoro mio a cuba :)

è un comunista che ci crede e andò due volte in Angola a combattere il colonialismo portoghese. Loro, i giovani, vogliono la libertà dei coetanei occidentali. I cellulari a lungo proibiti, Internet, un po’ di consumi in più, una televisione che non ti dica ogni santo giorno che il mondo è brutto e Cuba è bella, la possibilità di uscire con i giovani occidentali senza che la polizia ti chieda cosa stai facendo.

sin qui mi sembra una richiesta legittima, cosa ci vedete di male ?

Per questo la nostalgia di Cuba è nostalgia dei luoghi e degli affetti, della gente, ma la libertà europea è impagabile e per chi ha 24 anni come Dyanorys vale di più. “A Cuba ci torno se cambia”.

questo dimostra leggerezza.
Mi spiego, a 41 anni e con famiglia, cosa andrei a fare io in Italia ?
Se non ho un buon stipendio prima, e dei soldi da parte, andremmo a fare la fame io e la famiglia, per stare bene in un paese non bastano dei cambi



Fin qui è tutto logico, tutto perfettamente compatibile con quel che pensi da anni di Cuba e di Fidel. La svolta, che si fa storia di incontri, arriva a metà cena. Basta un accenno alla vita londinese. “A Londra in questo momento puoi anche morire di fame e non c’è nessuno che ti aiuti”, dice Dyanorys.

Non conosco la situazione di Londra, pero in Italia e come lei dice, pero in Olanda o Germania per esempio qualsiasi cittadino percepisce un sussidio


Già, pensa ognuno, la crisi che getta nella disperazione le famiglie… “Ma questo a Cuba non succede”, ecco le sei parole, “questo a Cuba non è possibile”, spiega alzando la voce la ragazza.

in un certo senso :roll:

Gli occhi si sgranano sotto la montagna di capelli ricci neri, perfino il viso cioccolato sembra accendersi. “A Londra se non puoi pagare ti tagliano l’acqua dopo due mesi anche se hai dei bambini, non gliene importa nulla. Puoi pure morire.

se e cosi e da condannare, pero ripeto in Germania non e cosi, perche in quel caso lo stato te la paga,


Ma a Cuba nessuno muore di fame”. Sembra propaganda, ma detto da lei è impossibile. Tacciono tutti, la parola è solo sua. “Noi abbiamo la libreta. Ogni famiglia tutti i mesi va in una specie di supermercato e riceve tutte le cose di cui ha bisogno per vivere. Il pane, lo zucchero, l’olio, il latte, le uova, il pollo, i fagioli, il riso, il pesce, la farina, i crackers, qualche volta le patate, il caffè. Paghi quasi nulla.

tutto giusto, pero si dimentica di dire che quantita di cose riceve... alla fine non sazierebbero nessuno e al massimo durano 2 settimane. dico bene coccoloco ?


Ogni famiglia ha la libreta. Senza distinzioni, l’unica differenza la fa il numero delle persone. Se hai più figli prendi di più. Poi mettono un segno per dire che tu quel mese hai preso quello che ti spettava. E il mese dopo lo riavrai con sicurezza.

a volte non entrano prodotti per diversi mesi, e il caso di olio, o saponette... o anche altri oggetti...

Certo, non è quello che ti puoi permettere qui, ma è sufficiente. È importante vivere senza disperazione”.

e tu hai sto ben di dio e te ne vai da Cuba :?:
Anche io ho qua in Germani il sufficiente.. cor pisello che me vo a Londra


Jani, l’amica, conferma. Una accanto all’altra sono le classiche belle ragazze cubane che ogni show televisivo prenderebbe di corsa (Dyanorys ha girato anche qualche spot da ballerina), ma ora non parlano il linguaggio delle vetrine e delle luci occidentali.

pure io le prenderei di corsa... sgrunff

È come se stesse venendo fuori da loro qualcosa d’altro e di più profondo. “Noi andiamo tutti a scuola, nessun bambino deve lasciare per lavorare.

vabbe... in burkina faso e tanti paesi purtroppo succede,,, vero... ma a cuba esiste un ma... perche poi spesso le condizioni sono mediocri

Io ho preso il diploma di disegnatore informatico e non ho mai pagato nulla.

anche io in Germania, e per studiare mi pagavano a quei tempi 2000 marchi al mese....


Pure l’università è gratis, anche se alla fine devi restituire i libri per chi viene dopo di te.

gratis... qua invece prendi pure un sussidio, perche alla fine uno deve mangiare e vestirsi... a cuba se non ti pagano cosa mangi o chi ti deve mantenere se studi ?


E la medicina è ben organizzata. È vero che c’è il mercato nero, che certi consumi non te li puoi permettere, che i trasporti sono un disastro, che non possiamo comunicare via Skype. O che magari ti tolgono di colpo l’energia elettrica per ore per risparmiare. Però il nostro è un popolo che non ha paura della fame.

in effetti..... si son abituati a poco... pero poi mi sembra che se possono eccome se magnano...


Perché il necessario ti viene dato dallo Stato. E perché la nostra gente è speciale: siamo più uniti, ci aiutiamo, un piatto di cibo lo trovi sempre. Se hai bisogno il tuo vicino ti darà il pane, senza interesse”.

maronna... e maronna... io ho visto gente che gira in guagua e non raccoglie nemmeno mamme coi bimbi... gente che approfitta di qualsiasi potere per fare soldi... altro che si aiutano... magari...



Ma anche quello che non sanno dirti i fan dell’amicizia Italia-Cuba, con quel frequente retrogusto di nostalgie barri-cadere. Da una ragazza che ha cercato l’occidente e ha solo studiato a scuola la mitica rivoluzione, riscopri che ebbe un senso. Le crisi che devastano, e le parole che sbottano dal cuore, servono anche a questo.

amen
Immagine

La mia e solo un opinione, chi la pensa diversamente non sbaglia mica (cit. Totonnus)
Avatar utente
ragioniere
Camajan
Camajan
 
Messaggi: 17742
Iscritto il: 19/12/2008, 20:12


Torna a Rinconcito cubano

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron